CorrCan Media Group

Justin Trudeau avverte: no al nuovo protezionismo

Justin Trudeau avverte: no al nuovo protezionismo

Justin Trudeau avverte: no al nuovo protezionismo

di Francesco Veronesi

HANGZHOU – I partner del G20 devono fare tutto il possibile per combattere i sentimenti protezionistici che stanno riprendendo forza negli Stati Uniti e in Europa. È questo il monito lanciato ieri dal primo ministro Justin Trudeau da Hangzhou in occasione della chiusura dei lavori del primo vertice G20 in terra cinese. In ogni caso, secondo il leader liberale, il pericolo che una nuova ondata protezionistica possa emergere anche in Canada è molto limitato. «Dal mio punto di vista – ha dichiarato il primo ministro – ritengo che i canadesi in ogni fascia demografica siano sostanzialmente favorevoli a un’apertura in termini commerciali con il resto del mondo». Stop quindi alle ipotesi di nuove barriere doganali, dazi e balzelli che possano rallentare e appesantire le relazioni commerciali tra i principali partner mondiali.

Allo stesso tempo Trudeau non ha nascosto la propria soddisfazione per il consenso raggiunto sul fronte del clima, con il via libera degli Stati Uniti e della Cina – i due Paesi che più inquinano al mondo – alle linee guida emerse nel vertice di Parigi dello scorso anno.

«Lo slancio significativo generato dalla volontà di ratifica di Stati Uniti e Cina – ha ammesso Trudeau – è un incoraggiamento per tutti i Paesi attorno al tavolo del G20 e in tutto il mondo, ad andare avanti verso la ratifica il prima possibile».

In questo caso il discorso vale anche per il Canada. Gli accordi di Parigi, messi nero su bianco lo scorso dicembre nella capitale francese, prevedono una lunga serie di misure concrete per combattere il global warming e i cambiamenti climatici.

Ma il nostro Paese, pur dicendosi completamente d’accordo, non ha ancora portato a termine il processo di ratifica del trattato.

Su questo fronte il primo ministro ha avviato da mesi un dialogo con le singole province e per portare a termine tutti i passaggi istituzionali che porteranno alla firma ci potrebbe volere ancora del tempo.

(Martedì 6 settembre 2016)

Scarica “Justin Trudeau avverte: no al nuovo protezionismo”

More in English Articles