CorrCan Media Group

Pioggia gelata a Toronto dopo la “tempesta” del Bernabeu

Pioggia gelata a Toronto dopo la “tempesta” del Bernabeu

Buongiorno, siamo a metà aprile e teniamo nu tiemp e merd.
 
*Come sei volgare, io direi: è un tempo… insensibile.
 
Che vuol dire, non capisco. Insensibile, stando a  Treccani – il vocabolario non il canile – significa: arido, cinico, duro, freddo, impassibile, imperturbabile, indifferente.
 
*Dalla scorsa settimana significa anche: cornuto.
 
Oibò, a che si deve questa nuova aggiunta alla lingua italica?
 
*Al goalie dalla barba grigia, dallo spirito furente e dal linguaggio fiorito, Gigi Buffon.
 
Perchè ha dato dell'insensibile al fischiatore anglè?
 
*Gigi è una vecchia volpe, se gli diceva papale-papale “sei un cornuto”, poteva essere che il ref lo denunciasse.
 
Quell'“insensibile” ora è entrato nell'uso comune dell'idioma italico, negli stadi ma anche fuori.
 
*Non solo insensibile ma anche: fruttini.
 
E che sarebbero sti fruttini?
 
*Gigi non lo ha spiegato, forse voleva dire succhi di frutta.
 
Ha tirato in ballo anche i bidoni della spazzatura.
 
*Quelli li ha piazzati al  posto del cuore del fischiatore Oliver.
 
Gigi era furioso, a dir poco. Ma tu pensi che abbia esagerato?
 
*Secondo me personalmente di persona, Gigi ha perso l'occasione per uscire di scena a testa alta.
 
Sostieni, mi pare, che doveva accettare l'ingiustizia e tirare avanti?
 
*Va capito povero Gigi,  lui non è abituato a perdere partite via cappellate arbitrali.
 
Vuoi dire che la Signora non subisce ingiustizie?
 
*In Italia, quasi mai, se non si considerano i due scudetti cancellati da Calciopoli.
 
Al Bernabeu invece? Quel rigore c'era o non c'era?
 
*Personalmente di persona direi di no perchè il centrale venuto dal deserto, Benatia, aveva preso prima la palla, da  dietro, ma l'aveva presa.
 
Dunque, dai ragione alla Juve.
 
*Con riserva, l'arbitro si è trovato tra l'incudine ed il martello, perchè Real e Juve contano molto nella stanza dei bottoni. E quando devi decidere in un attimo, istintivamente favorisci la squadra più ammanigliata, in questo caso il Real.
 
Senza quel rigore la Juve avrebbe vinto?
 
*Non tengo la palla, quella di vetro, per darti una risposta. Ma una cosuccia la so.
 
Che cosa, dici, illuminaci della tua saggezza calciopallonistica. 
 
*Stai calmo, non sfottere. In verità vi dico che la Juve non doveva farsi chiudere, una volta in parità doveva andare per la giugulare, mordere il Real a sangue, invece ha permesso a quel diavolo chiamato Cristiano di guidare gli attacchi in massa, poi sfociati nel penalty.
 
La Signora quando arriva al dunque in Champions commette, secondo me, cappellate extra large.
 
*Dove e come queste presunte cappellate?
 
Nella finale Champions di due anni fa permise al Barcellona di segnare con un contropiede che diede spazio, libertà e via col vento a gente come Messi e Neymar. L'anno scorso con il Real si dimenticò di giocare il secondo tempo, anche perchè negli spogliatoi si “scannarono” tra di loro. E quest'anno sappiamo come è finita».
 
*Ora si consolerà con il settimo scudetto di fila.
 
I ragazzi di Acciuga (il nomignolo che Allegri si porta dietro sin da quando giocava, perchè magro appunto come una sardina) continueranno a dominare in Italia fintanto che Napoli, le milanesi e la Roma non diventeranno squadre coi fiocchi, coi fatti e non a parole.
 
Champagne al gusto di scarpa sudata. 
A volte, si sa, le scarpe non profumano di viole, anzi emanano un odore non tanto per la quale. Per questo non mi faccio capace (rendo conto) di come Daniel Ricciardo, nato nella terra dei canguri da padre siciliano e madre calabrese, possa festeggiare le sue vittorie scolandosi una…scarpa di Champagne. 
Lo aveva fatto anche l'anno scorso, ora l'ha ripetuto domenica in Cina.  Fermo restando che questo modo particolarissimo di festeggiare possa avere qualche fine pubblicitario (magari in Australia ha dei vigneti di vino pregiato), sorge il sospetto che il nostro pilota abbia l'intensità gusto-olfattiva è pari a zero. Come a dire che è “sordo” di naso, come l'ex arbitro e gran tifoso viola, Giustino.
 
More in Editoriali
Pallonate sul muro
Mar Wed ,2017