CorrCan Media Group

Trump minaccia il Congresso: “Pronto ad abrogare il Nafta”

Trump minaccia il Congresso: “Pronto ad abrogare il Nafta”

TORONTO – Pressing di Donald Trump sul Congresso per l’approvazione dell’Usmca.

Il presidente americano, dopo aver siglato l’accordo definitivo con Justin Trudeau e il presidente messicano Enrique Pena Nieto a margine del vertice G20 in Argentina, ha mandato un messaggio al Congresso in vista della necessario approvazione parlamentare del nuovo accordo destinato a sostituire il Nafta.

“Se il Congresso non ratificherà l’accordo Usmca – ha dichiarato l’inquilino della Casa Bianca – procederò all’abrogazione del Nafta”.

Secondo il presidente statunitense, la cancellazione unilaterale del trattato di libero commercio nordamericano porterebbe immediatamente le relazioni commerciali con Canada e Messico a una situazione pre-Nafta, che lo stesso Trump definisce il “migliore” rispetto allo stato attuale. Ma in realtà la vicenda è molto più complessa. In primo luogo, fi no a quando l’Usmca entrerà in vigore, il Nafta rimane in vita.

E secondo proprio una delle clausole dell’accordo, i tre Paesi contraenti devono dare un preavviso dell’eventuale intenzione di uscita unilaterale dal trattato, preavviso che ancora non c’è stato.

In secondo luogo, inoltre, dobbiamo ricordare che Trump da novembre deve fare i conti con un Congresso diviso, visto che le elezioni di midterm hanno sancito la vittoria dei democratici alla Camera.

Anche l’eventuale preavviso per l’uscita unilaterale deve essere vidimato dal parlamento americano e un’eventuale contrapposizione tra la Casa Bianca e il Congresso potrebbe portare a uno stallo istituzionale dagli esiti incerti.

Senza dimenticare che Washington deve ancora sciogliere il nodo dei dazi del 25 per cento sull’acciaio e sull’alluminio provenienti dal Canada.

More in Economia