150 anni di scultura
nella Serenissima

di Sebastiano Bazzichetto del 21 June 2022

VENEZIA – Tra Umanesimo e Rinascimento fino al liminare – e liminale – della Maniera le virtù ed ambasce di semidei, condottieri, vergini, martiri e notabili si fecero pietra e poi anima grazie alla maestria di Donatello, dei Lombardo fino a Sansovino ed Alessandro Vittoria.

Alcuni tra gli esempi più pregevoli di tale periodo – 150 anni di virtuosismi classicheggianti – sono ora in mostra nell’incantevole cornice della Galleria Giorgio Franchetti alla Ca’ D’oro, nei secoli immortalata, tra i molti, da Ruskin in un aeriforme matita, acquerello e tempera del 1845.

“Questa mostra sancisce il pieno ritorno di Ca’ d’Oro nel grande circuito espositivo veneziano e siamo molto lieti che ciò avvenga con un’iniziativa, prevista in concomitanza con la Biennale d’Arte, che lega la sua ideazione alla peculiarità delle raccolte e offre l’opportunità di valorizzare un settore importante del patrimonio museale, legato a doppio filo al collezionismo e alla memoria dal territorio”– afferma Claudia Cremonini, co-curatrice della mostra e direttrice della Galleria Giorgio Franchetti.

Un risultato che non sarebbe stato possibile raggiungere senza l’apporto fondamentale di un’istituzione internazionalmente lagunare: “Venetian Heritage è orgogliosa di sostenere e promuovere, ancora una volta, il patrimonio culturale della Serenissima” – dichiara Toto Bergamo Rossi, co-curatore della mostra e direttore della fondazione Venetian Heritage – “Questo progetto espositivo mira a valorizzare la troppo sottostimata scultura veneta e allo stesso tempo il prestigioso museo della Ca’ d’Oro, il quale alla fine di questa esposizione sarà sottoposto a un generale intervento di restyling e update espositivo finanziato da Venetian Heritage”.

I pregi sommi e la sublime natura di questi capolavori sanno parlare al visitatore con ineffabile bellezza: nei volti, nelle labbra schiuse, nella definizione muscolare dei corpi non ci può che cogliere memoria del dantesco elogio di quella scultura “che non sembiava imagine che tace”.

[“DA DONATELLO A ALESSANDRO VITTORIA, 1450 - 1600. 150 anni di scultura nella Repubblica di Venezia” rimane aperta presso la Galleria Giorgio Franchetti alla Ca’ d’Oro fino al 30 ottobre 2022]

Nella foto in alto, la Madonna del bacio di Jacopo Sansovino

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.