CorrCan Media Group

Vuole diventare più giovane per rimorchiare meglio

Vuole diventare più giovane per rimorchiare meglio

TORONTO – Non “rimorchia” abbastanza perchè ha 69 anni. Rimorchiare nel senso di attaccare bottone con le donne.

Per ovviare a ciò un olandese ha avuto un’idea certamente inedita e strampalata: ringiovanirsi di un ventennio. Questo è scemo, ‘sta cosa non è possibile, direte voi. Invece, si può fare. O almeno si potrà fare. Basterà che il tribunale orange prenda per buone le giustificazioni di tale Emile Ratelband.

Il tizio ha chiesto, su carta bollata, di poter abbassare di vent’anni l’età anagrafica. Il cristiano, compatriota di Gullit e Van Basten, sostiene di avere il corpo di un quarantacinquenne e vuole che lo si sappia dovunque, specialmente in rete, quella che prende pesci per aria (poi vi spiego).

Ecco cosa dichiara al riguardo l’anzianotto con aspirazioni da giovanotto: “Ho un certificato medico che conferma come il mio corpo sia di una quarantacinquenne”. “Chiedo che la mia età virtuale venga riconosciuta legalmente”. “Il tribunale deve modificare l’anno di nascita, dal 1949 al 1969”. “Oggi siamo liberi di cambiare sesso, passare da uomo a donna, o viceversa”. “Legalmente ci è consentito di ottenere nome e cognome diversi da quelli ricevuti alla nascita”. “E allora perchè non avere il diritto di cambiare anche l’età?”. “La mia è una semplice battaglia, uguale a quella per i diritti degli omosessuali”.

Ce la farà Emile a ringiovanire, per modo di dire, via tribunale? “Si tratta di una questione inedita, per la quale non esiste precedente: le possibilità di successo sfiorano lo zero, ma reputiamo che la legge debba devolversi col tempo” ha pontificato l’azzeccagarbugli del nostro Emilio.

Comunque la si giri, la questione è strampalata, il soggetto è stravagante. Non foss’altro perchè vorrei vedere quanti cristiani sulla faccia della terra hanno un corpo più giovane rispetto alla data di nascita.

Un settantino per avere un fisico, dentro e fuori, di un quasi cinquantino deve aver fatto la vita di un eremita, come San Francesco di Paola, il primo vegano della storia umana. Il sant’omo di Paola campava in una grotta e si sosteneva con ceci, cicoria, penitenze e preghiere. Per lui non esistevano uova, carne, formaggio, vino, susamelle o cuddhuraci, che sarebbbero biscotti pasquali calabresi dalle origini molto antiche.

Di donne, poi, naturalmente, vade retro satana. Ecco, le donne. Lo strampalato olandese ha piantato ‘sto casotto dell’età per la semplice ragione che non riusciva a… pescare in rete. Dichiarando di avere 69 anni sui vari siti di cuori solitari, quelli per single in cerca della cosiddetta anima gemella, all’amo del quasi settantino abboccavano soltanto nonnine sessantine, o giù di lì. La qualcosa non era gradita, visto che lui ha gusti, come dire, più giovanili.

Non è dato di sapere se la pubblicità che sta ricevendo si è tradotta in moneta sonante, cioè in donne giovani disposte a farsi pescare. In rete, o fuori.

More in Controsport