CorrCan Media Group

Lady Pizzelle, generosità italiana in America

Lady Pizzelle, generosità italiana in America

Chi nasce tondo non può morire quadrato. Il proverbio squisitamente italico stabilisce in forma categorica che chi ha una certa forma mentale e un determinato carattere di¢cilmente li modificherà.

Questo è anche il caso di coloro nati nello Stivale e che, anche se campano cent’anni in un altro paese, restano attaccati agli usi, costumi e tradizioni del Bel Paese.

Detto questo, passiamo ad Antonietta Manganiello, nata nella pancia del Gran Sasso, classe 1938, in Amerika dal 1958.

Nella valigia di cartone di quegli anni Antonietta mise, oltre ad paio di lenzuoli di lino in vista di un possibile matrimonio, anche la ricette delle pizzelle.

Le pizzelle sono dolci inventati nel sud dello Stivale. Le conoscerete, sembrano fiocchi di neve con gli steroidi. Sono rotonde come un piattino da tè, leggere quasi come una biglietto da dieci dollari, friabili ed hanno anche i raggi. Sopra hanno lo zucchero filato, una polverina dolce che sarebbe come la ciliegina sopra la torta.

In questi giorni le pizzelle sono finite in prima pagina perché i piedipiatti di un paesone amerikano, dopo anni che si sono sbafati i dolcetti, hanno risolto il mistero di Lady Pizzelle.

Come spesso accade, la soluzione del mistero è venuta per caso, anzi per un caso di forza maggiore dovuto all’età. Ed ora vi spiego perché, cominciando dal presupposto che la protagonista di questa bella storia è una donna che aveva 20 anni quando da un paese dell’allora regione Abruzzo e Molise,si trasferì in Amerika, in una cittadina del Massachusets, Milford.

Antonietta Manganiello oggi ha 81 anni, la salute non è tanto per la quale, cammina poco e con fatica. Così ha mandato la figlia Gerrialla stazione di polizia non lontanissima da casa sua a consegnare pomodori e zucchini.

Gerri si è fatta prendere, i poliziotti l’hanno colta sul fatto mentre depositava all’ingresso i prodotti dell’orto della madre. Sottoposta a stringente interrogatorio la portatrice di pummarole e cucuzzielli ha ammesso che la cosiddetta Lady Pizzelle è la madre, la quale, per anni, ha lasciato anonimamente i dolcetti, per ringraziare i poliziotti di proteggere la comunità.

«Mia madre è rimasta italiana dentro, è generosa, ragiona con il cuore, fa del bene e non vuole niente in cambio», ha spiegato Gerri.

I poliziotti hanno così deciso di rendere omaggio a questa donna, da loro battezzata “The Pizzelle Lady”, che per anni ha regalato loro questi deliziosi dolci.

Come documentato da un video di’uso poi sulla pagina Facebook del dipartimento, gli agenti sono andati a bussare alla porta di Antonietta e le hanno dimostrato affetto portandole in dono dei fiori e una targa ricordo.

«Tutti abbiamo dovuto levare lo zucchero a velo dalle nostre camicie dopo aver mangiato una o due pizzelle – si legge nel post – Per anni, nessuno ha saputo davvero chi le cucinava o perché ce le portava».

La misteriosa signora delle pizzelle è stata quindi scoperta e finalmente ringraziata per la sua enorme gentilezza.

“Are you coming to get me? Siete venuti ad arrestarmi” ha scherzato Antonietta quando ha visto tanti agenti davanti a casa sua. Niente manette, comunque, ma fiori, baci e una targa ricordo per la ragazza italiana invecchiata in America tenendo sempre nella testa e nel cuore le cose belle del suo paese natio.

Nelle foto, Lady Pizzelle mentre riceve l’omaggio del capo della polizia, per Antonietta Manganiello fori, baci, abbracci e una targa ricordo

More in Controsport