CorrCan Media Group

Jesus Sneaker, ora si può camminare sull’acqua

Jesus Sneaker, ora si può camminare sull’acqua

Gesù Cristo camminò sull’acqua, ma Lui era chi era.

Oggi tutti possono imitarLo. Bè, proprio tutti no. Il miracolo è però a disposizione del cristiano/a affluente di tasca che ha quattromila cocuzze per un paio di particolarissime scarpe da ginnastica.

La calzatura in questione è stata battezzata Jesus Sneaker. Jesus è Gesù, naturalmente. Sneaker sarebbe scarpa da ginnastica o scarpa da tennis.

Di particolare questa calzatura specialissima ha l’acqua santa nelle suole e un Crocifisso per scarpa intrecciato nei lacci. Ma, andiamo con ordine e lasciatevi spiegare l’idea miracolosa, non una ma due volte.

Il primo miracolo-miracolo sarebbe quello che permette di camminare sull’acqua del fiume Giordano (dove fu battezzato il futuro Salvatore), acqua benedetta da un parroco di Brooklyn.

Il secondo miracolo di natura economica sarebbe che la scarpa Nike, normalmente in vendita per 160 dollari, con le aggiunte ideate da un paraculo ebreo della Little Italy di Nuova York, ora vale 4000 (quattromila) verdoni.

I primi esemplari, al prezzo di 1.200, andarono a ruba. Visto che il mercato dei credenti creduloni si è rivelato più vasto del previsto, c’è stata l’escalation dei prezzi.

La scarpa santa si vendeva sempre nonostante i prezzi più alti di minuto in minuto. Ora si è stabilizzata di quattromila dollaroni.

Il paraculo che ha inventato questo modo specialissimo di incrementare il suo conto in banca è un ebreo, popolo che in fatto di arrangiarsi a sopravvivere non è secondo a nessuno.

Daniel G., direttore generale di un’azienda specializzata nell’abbinare prodotti commerciali a personaggi noti, un bel giorno è partito dal fatto che molti prodotti commerciali vengono reclamizzati da gente famosa. Più la persona è famosa, più il prodotto si vende.

E qui Daniel ha avuta la trovata geniale. “Perchè non provo con uno dei personaggi più conosciuto e influente della storia della terra, Gesù?”. “Io sono ebreo, ha continuato Daniel, e l’unica cosa che sapevo di Lui era che aveva camminato sull’acqua”.

Da qui la genialata di versare tra la suola e il plantare della scarpa mezzo quarto di acqua prelevata dal fiume Giordano, colorata di azzurro per essere più visibile. La stessa acqua era stata precedentemente benedetta da un parroco della Little Italy che probabilmente ha fornito anche i Crocifissi, dietro, naturalmente, un sostanzioso quid pro quo.

Lo slogan che sta facendo vendere Juses Sneaker? Walk on Water, naturalmente.

More in Controsport