CorrCan Media Group

Il Sole ha paura, non vuole essere tagliato

Il Sole ha paura, non vuole essere tagliato

TORONTO – Lo sapete perchè il sole di questi tempi si fa una comparsita veloce sopra i nostri orticelli, poi se la squaglia, scompare e chi s’è visto s’è visto? Io lo so, perchè me l’ha detto proprio lui, il Sole. Non ci crederete, ma mi è venuto in sogno per zittire tutte le maldicenze che gli ammollavo ogni mattina e, nello stesso tempo, per farmi entrare nella coccia il perchè della sua latitanza sopra la torre. La faccenda è andata così.

La notte era fonda e freddina.

Io ero in braccio a Morfeo, ronfavo e sognavo. Nell’apparizione, con il dio del sonno c’era anche quello del vino, Bacco, ma non l’ultima componente del terzetto peccaminoso, Venere. Al posto della divinità tutta curve e pochi vestiti, c’è un omone di faccia extralarge, di colore giallo.
Nel sonno, a prima botta, mi pareva un maxi-girasole con il mal di pancia.

Ce l’ha con me ed è quasi fuori dai gangheri, penso.

“Guagliò, urla, se non la finisci di santiarmi ogni mattina faccio un quarantotto”.
Ma chi siete, rispondo moscio ma non tanto.

“Sono il Sole”, ribatte con la tracotanza dei boss.

– Il Sole? State pazziando, scherzate.

“Nossignore, sono proprio l’astro che dà luce e calore, se m’incazzo sul serio ti faccio a barbecue con i miei raggi….”.

– Calma e gesso, caro fratello Sole – bofocchio tremebondo – mio tengo famiglia…

“Che caro fratello e sorella del cavolo, tu la devi smettere di santiare, sparare cattiverie, maldicenze e calunnie non appena non mi vedi in cielo”.

-Signore del giorno e del calore permettetemi di chiedervi il perchè vi nascondete dietro le nuvole?
Senza la vostra illuminata presenza le pummarole non crescono, i peperoni si ammosciano, l’insalata resta rasoterra e noi ortolani dilettanti ci attacchiamo al tram.

“Non esco, non brillo sopra la vostra torre per colpa di Douglas”, tuona feroce.

– Douglas, l’abete ?

“Non dire minchiate, mi riferisco al signore che ha il cognome di una nota marca di automobili?”

-Ah, Doug. E perchè?

“Lui ha un raptus poco piacevole, un’ossessione feroce”.

-Quale?

“Una volta i cinesi mandavano all’aldilà i delinquenti con il metodo ’death by thousand cuts’, infliggevano tanti tagli sul corpo che alla fine il disgraziato moriva”.

-E allora?

“E se il vostro primo cittadino della provincia decide di mettere anche me nel mirino, se mi leva anche un pezzetto, come faccio a far crescere le pummarole e mulignane?”.

– Lei deve stare tranquillo, non lo farà perchè lui se la prende con la salute della gente, con chi ha la croce di figli malati, con le scuole e gli insegnanti , tanto per dirne due o tre dei suoi bersagli. Inoltre, Lei mister Sole, è troppo in alto, lui non ci può arrivare in cielo.

“Dei politici io non mi fido, sono come i polipi, hanno molti tentacoli per arrivare sempre dove vogliono”.

– Non filosofeggiate, please, ma tornate a brillare per noi. Abbiamo bisogno della Vitamina D naturale, non quella in bottiglia, per toglierci il freddo dalla ossa e la depressione dalla coccia.

“Va buò, mi hai convinto. Da domani esco anche sopra la torre e vi riscaldo tutti, inclusi cavolfiori e citruli.

More in Controsport