CorrCan Media Group

Balotelli? Presuntuoso e arrogante: cacciatelo

Balotelli? Presuntuoso e arrogante: cacciatelo

TORONTO – Cacciatelo, chiudete la porta e buttate la chiave.
Per quattro anni era stato tenuto alla larga dalla maglia azzurra, ignorato da Conte e Ventura.
Ora Mancini lo ha richiamato sperando che il ritorno nel club Italia potesse motivarlo a dare il meglio di se stesso.
Mancio ha sbagliato di grosso.
Il lupo perde il pelo ma non il vizio, caro CT.
Se per caso non lo hai ancora capito, ecco perché devi sbarazzartene.
Caccialo,è arrogante.
Caccialo, è superbo.
Caccialo, è presuntuoso.
Caccialo, è altezzoso.
Caccialo, è vanaglorioso.
Caccialo, è forte soltanto con la bocca, a chiacchiere.
Cacciatelo, non corre.
Cacciatelo, non si smarca.
Cacciatelo, non tira.
Caccialo, non torna.
Caccialo, ha la testa sciacqua.
Caccialo, non serve a niente.
Caccialo, fa girare i cosiddetti a tutti, eccetto agli avversari.
Il Mancio queste cosette sul conto del tizio “con la cresta sulla testa sciacqua” avrebbe dovuto saperle per i contatti diretti avuti ai tempi dell’Inter pre Mourinho e del Manchester City pre Guardiola.
«Con gli anni – si sarà detto Mancini – e dopo essere stato cacciato dai club che contano, sarà finalmente cresciuto mentalmente».
Invece no, nada, niente, nyet, manco pa capa.
Oggi il tizio con la cresta sulla testa sciacqua è tale e quale a quello che era stato, anzi peggio.
Perché ora non è lontano dalla trentina e con la vita balorda che ha avuto ormai ha perso lo scatto, ora è piantato a terra come uno zucchino siciliano, quelli lunghi e mezzo mosci.
Tenere uno così in campo è una bestemmia, in tutti i sensi.
Perché chi gioca nel suo ruolo non sarà un padreterno, ma almeno ci mette grinta, cuore ed orgoglio.
Come Chiesa. Come Belotti.
Nella ricostruzione dell’Italia Mancini ha tante gatte da pelare, troppi errori da correggere, inclusi i tanti passaggi sbagliati e le palle regalate.
Insistere sul tizio con la cresta sulla testa sciacqua è semplicemente sbagliato.
Mancio non perdere altro tempo.
Lavora su coloro che almeno ci provano ad onorare la maglia azzurra.

More in Controsport