CorrCan Media Group

Toronto e Matera: completato l’accordo ufficiale

Toronto e Matera: completato l’accordo ufficiale

TORONTO –  Cosa possono avere in comune una città come Matera, in Italia, che vanta ben 8mila anni di storia, e una in Canada, Toronto, che ne ha appena poco più di 200?
Eppure questi due agglomerati urbani, distanti la grandezza di un oceano, sono riusciti non solo a trovare dei punti in comune, ma a stipulare un accordo per accrescere e migliorare rapporti culturali, economici e sociali.
Grazie alla tenacia, all’impegno serio e infaticabile di un gruppo di lucani, stabilitisi a Toronto e raccolti nell’associazione Basilicata Cultural Society of Canada, tutto ciò è stato possibile e ha visto la realizzazione completa proprio nei giorni della scorsa settimana.
Il primo passo nell’estate appena trascorsa, a Matera, dove una delegazione di Toronto, insieme ai deputati federali, gli onorevoli Judy Sgro e Francesco Sorbara, ha firmato, alla presenza di rappresentati delle istituzioni locali italiane, un protocollo di intesa.
Venerdì scorso la controfirma da parte dei delegati italiani in visita a Toronto, tra i quali dal Comune di Matera Enzo Acito, in rappresentanza del sindaco, Michele Greico e Alberto Acito; dalla Provincia di Matera Carmine Lisanti; dalla Regione Basilicata Luca Braia, Nicola Benedetto e Aurelio Pace; il sindaco di Palazzo San Gervasio Michele Mastro e l’ex sindaco Mario Romanelli. In rappresentanza della città di Ferrandina Angelo Zizzamia.
Enorme la soddisfazione da entrambe le parti, che è stata resa pubblica al migliaio di partecipanti alla serata di Gala che si è svolta nella stesso giorno.
Il gemellaggio tra Matera e Toronto ha visto concludersi la componente burocratica, ma ha dato effettivamente il via all’adempimento di quegli accordi sanciti dal protocollo.  
Inizia infatti ora l’impegno allo scambio culturale tra le realtà delle due città, a iniziative mirate allo sviluppo economico, con l’aiuto vicendevole nell’individuare “aziende legate alle loro regioni o città che potrebbero essere interessate a condurre affari in zone appartenenti all’altra parte”, come si legge nei punti del patto. 
Gli accordi seguono con una serie di vincoli morali alla cooperazione delle due parti nei diversi settori che possono essere interessati al miglioramento del benessere reciproco delle due città e dei propri cittadini.
Le firme sono state apposte presso la sede municipale nel cuore di Toronto. 
In serata esponenti politici federali, provinciali e comunali del Canada, la delegazione italiana con rappresentanti della Regione Basilicata, della Provincia di Matera, delle città di Matera, Palazzo San Gervasio, Ferrandina e un nutrito gruppo di imprenditori, si sono ritrovati  insieme ai soci della Basilicata Cultural Society of Canada, lucani residenti in Canada, amici e simpatizzanti, presso i locali del Montecassino Banquet Hall. 
Maestro di cerimonie d’eccezione, il presidente ed editore del Corriere Canadese, l’On. Joe Volpe.
L’Onorevole Judy Sgro ha presentato il messaggio del primo ministro Canadese Justin Trudeau, che esprime le sue congratulazioni per l’iniziativa, ricordando i legami e i rapporti che intercorrono tra il Canada e l’Italia, grazie anche alla cura “che la nostra vibrante comunità italocanadese mantiene delle proprie origini”. 
Parole di compiacimento anche da parte dell’Onorevole Francesco Sorbara, deputato a Ottawa, e del ministro provinciale dei Trasporti Steven Del Duca, che ha porto i saluti della premier dell’Ontario Kathleen Wynne. 
Presenti anche il ministro Laura Albanese, i deputati Marco Mendicino, Mike Levitt e Deb Schulte. I consiglieri comunali Vincent Crisanti e  Frank Di Giorgio, il trustee per le Scuole Cattoliche Frank D’Amico e il deputato al governo italiano Francesca La Marca.
Anche il console generale d’Italia Giuseppe Pastorelli ha dato il benvenuto alla delegazione italiana e si è complimentato con quanti si sono adoperati per la riuscita dell’evento. 
Oltre ai discorsi di rito da parte degli illustri ospiti, c’è stata anche la consegna di due borse di studio ad Elisa Locantore e a Liam Andrea Zarrillo, grazie alle quali i due ragazzi meritevoli avranno la possibilità, se lo vorranno, di poter studiare in Italia.
Inzia quindi per la città di Matera e quella di Toronto, una nuova esperienza che senz’altro rafforzerà i legami che i lucani hanno con la propria terra, ma permetterà altresì alle nuove generazioni sia italiane che canadesi di arricchire il proprio bagaglio culturale e allargare gli orizzonti della conoscenza anche nel settore lavorativo, industriale e imprenditoriale. 
 È questo anche l’auspicio che il Corriere Canadese rivolge a quanti abbracceranno con entusiasmo le possibilità offerte da tale iniziativa, insieme agli auguri di buon lavoro a tutti quelli che si impegneranno costruttivamente alla riuscita del gemellaggio.
Ad majora!
More in Comunita`