CorrCan Media Group

A Rimini Démare fa poker beffando Sagan in volata

A Rimini Démare fa poker beffando Sagan in volata

A Rimini Démare fa poker beffando Sagan in volata

RIMINI – Al Giro d’Italia 2020, il termine ’volata’ è davvero sinonimo di Arnaud Démare. Anche a Rimini infatti, dov’era situato il traguardo dell’11ª tappa, il 29enne francese della Groupama-FDJ si è imposto agevolmente sugli avversari, mostrando una superiorità netta negli arrivi compatti. Il portoghese Joao Almeida della Deceuninck Quick Step resta ancora in maglia rosa.

Dopo la cavalcata trionfale di Peter Sagan a Tortoreto, con una tappa piena di emozioni, ieri arrivava una frazione decisamente più tranquilla alla 103ª Corsa Rosa.

La partenza era posta a Porto Sant’Elpidio e si arrivava a Rimini – sullo storico lungomare – dopo aver percorso 182 chilometri prevalentemente piatti, sebbene il finale, ricco di curve, non fosse da sottovalutare.

Tra i tanti luoghi d’interesse attraversati dalla Corsa Rosa in questa undicesima tappa c’era Pesaro, città che conobbe il suo apice durante il periodo rinascimentale e non solo, essendo anche la città natale del famoso compositore Gioacchino Rossini.

Usciti dalle mura ci si trova ai piedi dell’imponente Monte San Bartolo, sede di uno dei parchi naturali più importanti d’Italia e citato persino da Dante nell’Inferno della sua Divina Commedia.

Il primo scossone della tappa – che si sviluppava dalle Marche, sino all’Emilia Romagna – viene dato dalla fuga composta da Mattia Bais, Fabio Mazzucco, Francesco Romano, Sander Armée e Marco Frapporti. Ma trattandosi di corridori relegati nelle retrovie della classifica, il gruppo non si è preoccupato troppo di loro ed ha lasciato fare, non consentendo comunque ai fuggitivi di guadagnare un cospicuo vantaggio. E mentre il gruppo li inseguiva, fino a riprenderli ai meno 10 chilometri dallo striscione d’arrivo a Rimini, il belga Armee è stato l’ultimo ad arrendersi.

Improvvisamente è arrivata l’ennesima disavventura per Elia Viviani, ciclista della Cofidis, che in corrispondenza di una rotonda è stato colpito da una moto, cadendo a terra. L’azzurro ha così dovuto cominciare il suo lungo inseguimento che, di fatto, lo ha tagliato fuori dalla volata. E di questi tempi, in volata nessuno riesce a batte Arnaud Démare: lanciato ancora una volta splendidamente da Jacopo Guarnieri, il campione nazionale transalpino si è fatto nuovamente valere su tutti, siglando la quarta vittoria personale in questo Giro e blindando, di fatto, la maglia ciclamino.

Dietro al francese, a regolare il resto del gruppo è stato lo slovacco Peter Sagan, che aveva trionfato martedi a Tortoreto Lido.

“Una vittoria davvero eccezionale, la quarta in questo Giro d’Italia. I miei compagni di squadra hanno fatto un lavoro immenso per ricucire la fuga e piano piano abbiamo rimontato. Sono felicissimo”. È raggiante Arnaud Démare, e sul grande lavoro di Guarnieri, suo ultimo uomo, aggiunge: “Jacopo? Lui mi conosce bene, mi chiede sempre come sto durante la tappa”.

Non cambia dunque la classifica generale alla vigilia della Nove Colli, con partenza e arrivo a Cesenatico, ed è ancora una volta il portoghese Joao Almeida il leader.

Il 22enne della Deceuninck-Quick-Step ha commentato la tappa di ieri: “Oggi nella prima parte è stato piuttosto facile, mentre la seconda porzione di gara è stata frenetica. La tappa di domani (oggi, ndr) è ondulata, ma voglio cercare di tenere la maglia. Ci saranno degli attacchi ma siamo preparati. Non credo di poter guadagnare secondi sugli altri, ma se non ne perdo sono felice”.

Oggi, la 12ª tappa del Giro d’Italia – la Cesenatico-Cesenatico, dedicata alla memoria di Marco Pantani e prevista sulla distanza di 204 chilometri – verrà trasmessa in diretta da RAI Italia, a partire dalle 8.00 del mattino ora di Toronto.

Classifica generale:
1) João Almeida (Por), Deceuninck-Quick Step 43:41:57
2) Wilco Kelderman (Ola), Team Sunweb 00:34″
3) Pello Bilbao Lopez de Armentia (Spa), Bahrain-McLaren 00:43″
4) Domenico Pozzovivo (Ita), Ntt Pro Cycling 00:57″
5) Vincenzo Nibali (Ita), Trek-Segafredo 01:01″