CorrCan Media Group

Wynne, un budget per conquistare l’elettorato

Wynne, un budget per conquistare l’elettorato

Foto: Charles Sousa, Ministro delle Finanze – Ontario
Vedi Scheda >> Budget e riforme
 
TORONTO – Un budget per recuperare il terreno perduto, riconquistare la fiducia degli elettori dell’Ontario e giocarsela fino alla fine con i conservatori di Doug Ford. 
La premier Kathleen Wynne lancia la sfida e punta su una legge di bilancio ambiziosa e di largo respiro, con grandi investimenti in settori chiave – sanità, sostegno all’infanzia, farmaci, infrastrutture – con l’obiettivo di presentarsi alle urne con un pacchetto di riforme che vadano a completare quelle già avviate negli ultimi 18 mesi. Il budget, presentato ieri pomeriggio a Queen’s Park dal ministro delle Finanze Charles Sousa, contiene delle misure già annunciate nelle ultime due settimane e alcune novità. Da un punto di vista strutturale, dopo aver raggiunto il pareggio di bilancio lo scorso anno – con un surplus di oltre 600 milioni di dollari – il governo ha messo in cantiere il ricorso al deficit per i prossimi sei anni, fino al 2024, a partire da questo anno fiscale, con un rosso di 6,7 miliardi di dollari.
Sono comunque due le componenti chiave di questa Finanziaria 2018. La prima è quella che riguarda l’espansione del piano dei farmaci con ricetta medica gratuiti per gli anziani: sarà attivata dall’agosto del 2019 e richiederà alla Provincia un investimento di 575 milioni di dollari fino al biennio 2020-2021. Attualmente gli over 65 devono pagare il cosiddetto “deductible” e una parte del costo del farmaco a seconda della fascia di reddito. 
La seconda è quella che riguarda gli asili nido, che saranno totalmente gratuiti a partire dal 2020 per tutti i bimbi di età compresa tra i due anni e mezzo e i quattro anni. 
Questo permetterà alle famiglie un risparmio in media di 17mila dollari per ogni figlio, mentre la copertura finanziaria prevista dalla provincia sarà di 2,2 miliardi di dollari per tre anni.
Nel budget è prevista anche una modifica della pressione fiscale: chi guadagna più di 95mila dollari all’anno dovrà pagare più tasse (si passa dal 7,31% al 7,49%), mentre chi guadagna meno vedrà ridotte le imposte in media dai 130 ai 200 dollari all’anno.
Nel budget poi è presente una misura per tutti i cittadini dell’Ontario che non hanno alcun tipo di assicurazione medica o piano di copertura dentistica: al partire dal 2019, il governo coprirà l’80 per cento di queste spese con un massimo di 400 dollari a persona all’anno, 600 dollari per le coppie e 700 per le famiglie con due figli a carico, per un costo di 800 milioni di dollari.
Nella legge di bilancio, inoltre, è previsto uno stanziamento di 822 milioni di dollari per gli ospedali della provincia per il 2018-2019. Proposto poi un programma per gli anziani over 75 che vivono ancora a casa e che potranno ricevere detrazioni fino a 750 dollari: i dettagli di questo programma, però, saranno presentati nelle prossime settimane. Nel budget, infine, è presente uno stanziamento di 500 milioni di dollari per allargare la rete Internet e la copertura di rete di telefonia cellulare nelle zone rurali della nostra provincia.
 
More in Chiesa2000