CorrCan Media Group

Trasparenza e tagli alla spesa, purghe a Brampton

Trasparenza e tagli alla spesa, purghe a Brampton

Trasparenza e tagli alla spesa, purghe a Brampton

di Francesco Veronesi

TORONTO – Trasparenza, taglio delle spese inutili, ridimensionamento della burocrazia, abbattimento dei costi. È attraverso questi paletti che il Comune di Brampton ha deciso di dare il via alle “purghe” nel suo apparato burocratico, annunciando il taglio di 25 impiegati di City Hall, molti dei quali ricoprivano posizioni dirigenziali. Il “repulisti” chiesto dal Chief Administrative Officer (CAO) Harry Schlange è stato appoggiato con forza dal sindaco Linda Jeffrey e da tutti i consiglieri. «Si tratta di un primo passo molto positivo – ha dichiarato al Corriere Canadese il consigliere comunale dei Ward 7 e 8 Pat Fortini – all’interno dell’amministrazione avevamo troppi strati e troppe persone a spasso. Non è possibile che il 98 per cento delle nostre spese vada a finire in stipendi». Fortini ha sottolineato come la scelta non sia stata fatta dal giorno alla notte, ma che l’amministrazione cittadina nei mesi scorsi aveva giù deciso di intraprendere la strada del taglio dei costi. «Non c’è alcuna improvvisazione – ha aggiunto – abbiamo giù messo in piedi un piano che sta funzionando. E comunque abbiamo intenzione di andare avanti: non è ancora finita».

Stando a quanto è stato fatto sapere del Comune, il taglio dei 25 manager dovrebbe portare a un risparmio annuo di circa 2 milioni di dollari, anche se tra buonuscita e trattamenti di fine rapporto sarà necessario sborsare dai 3,5 ai 4 milioni di dollari.

«Il nostro è un messaggio chiaro – ha detto al Corriere Martin Medeiros, consigliere dei Ward 3 e 4 – noi abbiamo intenzione di gestire in modo oculato i soldi dei contribuenti e, allo stesso tempo, vogliamo dimostrare che le aziende possono venire tranquillamente nel nostro territorio per fare affari: vogliamo essere più attraenti per gli investitori. Sia io che Fortini, entrambi eletti per la prima volta, abbiamo spinto molto verso il cambiamento, e anche questo ha portato alla nomina del CAO, che si deve a tutti gli effetti considerare un agente del cambiamento».

Ma anche secondo Medeiros, il cambio di marcia a City Hall non è affatto finito. «Questa è solamente la prima fase. Poi andremo avanti».

Anche perché, secondo il consigliere, in questi ultimi quattro-cinque anni il Comune di Brampton ha intrapreso una lunga serie di attività che hanno fatto perdere di vista quelle che dovrebbero essere le funzioni primarie di City Hall.

«Parliamo di interventi nelle infrastrutture, pulizia delle strade e così via: capisco che magari non si tratta di temi che hanno un grande appeal sull’elettorato, eppure sono elementi fondamentali. Dobbiamo puntare al “back to basics”, al ritorno alle cose pratiche che incidono sulle tasche dei contribuenti».

Per Medeiros quindi la parola d’ordine è solo una: cambiare registro rispetto al passato, dire basta agli sprechi che hanno caratterizzato le amministrazioni precedenti, il tutto nel nome della trasparenza e del buon governo.

Delle 25 posizioni tagliate, cinque saranno rimpiazzate nei prossimi mesi. È quindi evidente che si tratta di una bocciatura senza se e senza ma dei vertici dei singoli dipartimenti dell’amministrazione cittadina.

Anche se per ora non è stata compilata una lista specifica dei nomi dei 25 burocrati licenziati, fonti vicine al Corriere hanno confermato che il taglio ha riguardato cinque tra gli stipendi più alti dell’intera amministrazione di Brampton.

In particolare si tratta di Marilyn Ball, Chief of Planning and Infrastructure, che con una busta paga di $245,883.23 risultava essere la burocrate meglio pagata a Brampton, stando ai dati della Sunshine List.

Lasciano il Comune anche Peter Simmons, Chief of Corporate Services (guadagnava $234,289.07, secondo stipendio più alto), Julian Patteson, che guidava i Servizi Pubblici ($232,228.58, terzo stipendio più alto), Dennis Cutajar, Chief Operating Officer ($232,228.58, quarto stipendio pià alto) e Peter Honeyborne, City Treasurer, che con $202,862.26 annui si trovava al nono posto delle buste paga più pesanti a Brampton.

(Giovedì 8 settembre 2016)

Scarica “Trasparenza e tagli alla spesa, purghe a Brampton”

More in Chiesa2000