CorrCan Media Group

PC Ontario Leadership, i candidati affilano le unghie

PC Ontario Leadership, i candidati affilano le unghie

TORONTO – «Sono l’unica persona che può sconfiggere Kathleen Wynne». 
Lo ha affermato la candidata alla leadership del partito conservatore dell’Ontario Caroline Mulroney durante una intervista concessa alla rivista Maclean’s. «Kathleen Wynne ha molta esperienza politica ed è proprio questo che ci ha messo in primo luogo in un putiferio – ha detto l’avvocatessa 43enne – più busso alle porte delle persone, più scopro che la gente è arrabbiata. Dobbiamo portare il cambiamento in Ontario e io ho deciso di concorrere alla leadership. Faccio parte della nuova generazione di politici e penso che la gente a Queen’s Park desideri un nuovo modo di fare le cose».
Per quanto riguarda il suo famoso cognome, Mulroney ha detto di essere più che “solo la figlia di un primo ministro”.
La lotta per la leadership è già in corso. La Mulroney ha deciso di puntare sulla novità che lei stessa rappresenta, ma al momento è Christine Elliott a godere del maggiore supporto del caucus: mentre a sostenere la Mulroney sono finora cinque mpp e ad assicurare il supporto a Ford è solo uno, la Elliott può contare sull’appoggio di nove deputati provinciali. 
A garantire il proprio sostegno alla Elliott sono i deputati provinciali Todd Smith, Ted Arnott, Randy Hillier, Jim Wilson, Lorne Coe, Ernie Hardeman, Michael Harris, Randy Pettapiece, and Bill Walker. «La fiducia che mi accordate è molto importante per me», ha detto la Elliott che per partecipare alla corsa per la leadership del partito conservatore si è dimessa da difensore civico dell’Ontario. All’ultima corsa alla leadership la Elliott è arrivata seconda dietro a Patrick Brown che alla fine di gennaio è stato costretto a dimettersi in seguito alle accuse di due donne di cattiva condotta sessuale. 
Intanto la macchina per l’elezione del leader che dovrà guidare il partito alle prossime elezioni provinciali del prossimo 7 giugno si è messa in moto. Il partito ha reso noto che i conservatori dell’Ontario che vogliono partecipare alla scelta del nuovo leader dovranno rivelare la propria identità prima di esprimere il proprio voto. 
La direzione del partito ha affermato che sta mettendo in atto un sistema di verifica in due fasi per garantire la trasparenza del voto online, il cui inizio è in programma nei primi giorni di marzo.
Prima di poter votare occorre  inviare una foto o la scansione di un documento di identità approvato.
L’annuncio è stato fatto dopo che il partito ha scoperto una significativa discrepanza nel numero degli iscritti.
Una mail inviata recentemente al caucus  conservatore e ottenuta da The Canadian Press ha mostrato che il partito ha circa 67.000 membri in meno rispetto ai 200.000 rivendicati dall’ex leader Patrick Brown. 
Il primo dibattito sulla leadership si terrà a Toronto il prossimo 15 febbraio, un giorno prima della scadenza per le iscrizioni dei candidati e dei nuovi membri del partito. Un secondo dibattito si svolgerà in una data da stabilire.
Il voto avrà luogo tra il 2 e l’8 marzo, con l’annuncio del risultato il ​​10 marzo. I conservatori hanno detto che una terza parte indipendente sarà responsabile dell’elaborazione dei voti e della conservazione delle informazioni personali.
More in Chiesa2000