CorrCan Media Group

Guida pericolosa, il pugno duro di Queen’s Park

Guida pericolosa, il pugno duro di Queen’s Park

Il ministro dei Trasporti dell’Ontario, Steven Del Duca
 
TORONTO – Nuovo giro di vite in Ontario per garantire la sicurezza sulle strade. Ad annunciarlo è stato ieri il ministro dei Trasporti Steven Del Duca, che ha presentato l’ultimo tassello di un mosaico che comprende anche le nuove misure rese pubbliche tre giorni fa sulla guida in stato d’ebrezza e sotto l’effetto di sostanza stupefacenti. I provvedimenti voluti da Del Duca mirano soprattutto a colpire quegli automobilisti che non prestano la dovuta attenzione durante la guida e il cui atteggiamento al volante mette in pericolo le altre persone. Il progetto di legge del ministro prevede l’introduzione di un nuovo reato specifico, quello di guida spericolata che causa un ferimento grave o un decesso. In questo caso, rispetto alla normativa attualmente in vigore, vengono inasprite le pene previste. Innanzitutto l’ammenda sarà compresa tra i 2mila e i 50mila dollari, mentre si rischia il carcere fino a un massimo di due anni e la sospensione della patente di guida fino a 5 anni, oltre  6 punti di demerito.
Tra le misure previste, da sottolineare anche il giro di vite per gli automobilisti che non danno la precedenza ai pedoni: in questo caso la multa può arrivare fino a 1.000 dollari, con 4 punti di demerito sulla patente. 
Ma in generale, il progetto di legge prende di mira tutte le principali forme di distrazione alla guida, dall’uso dello smartphone a quello di altri apparecchi elettronici. In questo caso alla prima infrazione si rischia una multa di 1.000  dollari, che diventano 2mila alla seconda e 3mila alla terza. 
A scalare anche i giorni di sospensione della patente: rispettivamente, tre, sette e trenta. 
Secondo i dati forniti dal ministro dei Trasporti, in Ontario una persona perde la vita sulle strade ogni 17 ore, e pedoni e ciclisti costituiscono il 25 per cento dei decessi.
“Ci stiamo attrezzando – ha detto Del Duca – per ridurre il numero di persone che perdono la vita per strada a causa di automobilisti che guidano in stato d’ebrezza, o distratti o pericolosi. Questi atteggiamenti non saranno tollerati”.
More in Chiesa2000