CorrCan Media Group

“Ford ha tradito i conservatori più a destra”

“Ford ha tradito i conservatori più a destra”

TORONTO – Non finisce mica qui. Tanya Granic Allen, silurata da Doug Ford, annuncia battaglia. E lo fa con un post online nel quale ribadisce la sua posizione. “Sono sempre stata chiara – scrive l’ex candidata del Progressive Conservative – sono qui per essere una voce forte contro l’agenda anti-famiglia di Kathleen Wynne e intendo rimanerlo anche se sono stata eliminata dalla corsa a deputata del partito conservatore”.
Dopo aver fatto orecchie da mercante quando liberali ed ennedippini ne chiedevano l’allontanamento per le sue controverse affermazioni, Ford ha deciso di farlo lo scorso fine settimana. Lo ha fatto con un comunicato nel quale definiva i commenti dell’allora deputata del partito per Mississauga Centre riguardo alcuni gruppi  “irresponsabili" e  “non rappresentanti le opinioni del partito”. 
Già nel passato la Granic Allen aveva espresso in modo chiaro e forte le sue idee riguardo il matrimonio gay e i musulmani, ma il video postato dai liberali in cui parla di educazione sessuale è stato la goccia che ha fatto traboccare il vaso.
È infuriata ora la Granic Allen che non indietreggia neppure di un centimetro e che giudica la sua rimozione come un altro tradimento dei conservatori più a destra nel partito. Dopo aver criticato duramente il leader Ford per averla cacciata, la Granic Allen lo paragona al suo predecessore Patrick Brown che aveva preso le distanze da determinati temi sociali. “Un altro tradimento nei riguardi dell’ala destra dei conservatori, proprio come ha fatto Patrick Brown – ha scritto l’ex candidata – Che cosa è successo esattamente? Cosa sono queste calunnie inventate contro di me? Perché il team di Doug Ford non mi ha supportato? E quali sono i prossimi passi? Risponderò a queste domande nei prossimi giorni”. 
L’ex candidata ha deciso insomma di dare filo da torcere al leader dei Tory: “Deve mantenere l’impegno preso di abrogare e sostituire il programma scolastico di educazione sessuale dell’Ontario”, ha scritto nel suo post. Poche ore dopo Doug Ford ha confermato che se diventerà il premier della provincia “il programma di educazione sessuale sarà revocato e sostituito con uno più adatto all’età dei ragazzi”.
L’ex deputata dei conservatori lascia comunque intendere che non si farà da parte, ma che continuerà a far sentire la sua voce. “Ford è stato consigliato male dai suoi consulenti”, dice.
Il leader dei Tory è stato avvertito.
More in Chiesa2000