Vaccini, altri 29mila
posti a Toronto e York

di Mariella Policheni del December 24, 2021

TORONTO - La corsa alla dose di richiamo del vaccino anti Covid-19 continua inarrestabile. Le linee telefoniche per effettuare le prenotazioni sono bollenti da quando la provincia ha dato il via alle prenotazioni. E così ieri la città di Toronto ha messo a disposizione dal 1º al 3 gennaio altri 14mila nuovi appuntamenti presso le sue cliniche.

Ieri, inoltre, la città ha confermato che oltre il 25% dei residenti di Toronto di età pari o superiore a 18 anni ha ricevuto la dose di richiamo per il Covid-19. E nonostante le festività, il personale sanitario, lavorerà senza sosta durante i fine settimana per immunizzare il maggior numero di persone possibile. “Il Team Toronto e tutti i suoi partner stanno lavorando duramente durante le feste per far vaccinare i residenti idonei con la prima, la seconda e la terza dose di vaccino Covid-19", si legge nel comunicato stampa diffuso da City Hall.

Nel tentativo di rallentare la diffusione della variante più infettiva di Omicron, che ha portato a un rapido aumento dei casi in tutto l’Ontario - ieri con 5.790 contagi è stato stabilito il nuovo record da inizio pandemia - tutti gli adulti che hanno ricevuto la seconda dose almeno tre mesi fa possono ora ricevere la dose di richiamo. I funzionari ritengono che la diminuzione dell’immunità abbia portato a un aumento dei casi e una terza dose fornirà una migliore protezione contro l’infezione di Omicron.

E come Toronto anche la York Region ha reso disponibili da ieri circa 15mila appuntamenti per la settimana del 27 dicembre. Nelle nuove cliniche aperte - al Richmond Green Sports Center in Elgin Mills Road East e all’Aaniin Community Center in 14th Avenue - le persone dai 5 anni in su possono ricevere la prima e la seconda dose, gli over 50 che hanno ricevuto la seconda dose almeno tre mesi fa il booster. I funzionari sanitari affermano che attualmente stanno dando la priorità ai richiami per chiunque abbia più di 50 anni poiché questa fascia di età è più vulnerabile a esiti gravi e malattie legate al Covid-19.

Ma la scarsità di appuntamenti disponibili ha spinto alcune regioni come quella di Peel a esortare i residenti più giovani a non prenotare subito gli appuntamenti per il richiamo per dare la priorità a coloro che hanno più di 50 anni. Il Chief Medical Officer di Peel Region Lawrence Loh ha affermato che tutti gli attuali appuntamenti per i vaccini sono prenotati fino all’inizio di febbraio e che la regione è al lavoro per aggiungere alla piattaforma di prenotazione online provinciale migliaia di posti ogni giorno.

Secondo dati recenti, alcuni quartieri del centro di Toronto densamente popolati stanno registrando alcuni dei più alti tassi di trasmissione di Covid-19 in città.

Le informazioni pubblicate sul sito web della città indicano che Waterfront Communities, un quartiere del centro delimitato da Queen e Front Street a nord, Bathurst Street a ovest e Don Valley a est, registra un tasso di casi di 881 per 100.000 persone. Il quartiere Niagara di Toronto, adiacente all’area di Waterfront, registra un tasso di casi di 837 per 100.000. Little Portugal sta attualmente segnalando 848 casi ogni 100.000 e a Trinity Bellwoods, il tasso di casi è di 749 ogni 100.000.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.