CorrCan Media Group

Trudeau proroga il CERB per i disoccupati

Trudeau proroga il CERB per i disoccupati

Trudeau proroga il CERB per i disoccupati

TORONTO – Il Canada Emergency Response Benefit verrà esteso. Lo ha promesso ieri il primo ministro Justin Trudeau riservandosi di dare un aggiornamento entro la fine della settimana.

«Per ora, tutto quello che posso dire è che continueremo ad essere pronti a sostenere i canadesi», ha detto Trudeau. Entro la prima settimana di luglio milioni di canadesi arriveranno al capolinea del periodo di 16 settimane valido per poter richiedere il CERB: la scadenza imminente ha sollevato domande su ciò che accadrà a coloro che hanno partecipato al programma sin dal suo lancio iniziale e hanno già ricevuto gli 8.000 dollari disponibili ma sono ancora senza lavoro e senza entrate a causa del Covid-19.

È proprio per dare una mano alle persone ancora in difficoltà, ha detto Trudeau, che il governo “sta cercando una soluzione per estendere i benefici per le persone che non possono ancora tornare al lavoro”. «Se si hanno problemi a trovare un lavoro, non bisognerebbe anche doversi preoccupare di aver raggiunto il limite per aver diritto al CERB», ha detto Trudeau.

Il primo periodo per presentare domanda ha preso il via all’inizio di aprile e i canadesi sono stati in grado di richiedere il beneficio per un massimo di 16 settimane tra il 15 marzo e il 3 ottobre, il che significa che ci saranno ancora canadesi che riceveranno finanziamenti per le settimane a venire, mentre altri presto non ne avranno più diritto. Quasi 1,2 milioni di canadesi hanno abbandonato il programma prima di raggiungere le 16 settimane, il che significa che sono tornati al lavoro o sono stati trasferiti nel programma di sussidi salariali attraverso il loro datore di lavoro.

A partire dal 4 giugno, il governo federale ha speso un totale di $43,5 miliardi inviando a oltre 8,4 milioni di canadesi i pagamenti mensili di $2.000. Un’estensione – come richiesto dall’NDP – ammonterebbe a circa $17 miliardi per ogni mese in cui il programma rimane attivo secondo i parametri attuali.

«Sia che si tratti di pagare le bollette, di tenere le persone sul libro paga o di affittare un negozio, è in questo momento che molti canadesi hanno bisogno di una mano», ha detto Trudeau.

La promessa di un aggiornamento sull’estensione entro la fine della settimana è arrivata nel momento in cui il leader NDP Jagmeet Singh ha legato il suo sostegno al caucus per un voto atteso mercoledì su un disegno di legge chiave per la spesa con l’impegno di estendere il programma.

«Deve esserci un’estensione del CERB. Non è accettabile per milioni di canadesi non sapere cosa succederà. Vogliamo trovare una via d’uscita e stiamo negoziando sul fatto che il governo deve pubblicare un piano su come aiuterà i canadesi in questa crisi nel momento in cui non ci sono posti di lavoro», Singh ha detto durante una conferenza stampa a Parliament Hill.

Senza il sostegno dell’NDP al prossimo voto sulle stime supplementari – finanziamenti per i dipartimenti federali regolari fino all’autunno – i liberali dovrebbero fare a‹damento sul voto dei conservatori o del Bloc Quebecois o rischiare la possibilità di perdere un voto di fiducia dal momento che il loro è un governo di minoranza.

Da Rideau Cottage, Trudeau ha anche fornito un aggiornamento sul programma di prestiti di emergenza disponibile per le imprese e sullo stato del programma promesso per affrontare il surplus alimentare che gli agricoltori stanno vivendo a causa della pandemia.

Il Canada Emergency Business Account, o CEBA, è stato annunciato per la prima volta a marzo e aperto per le domande in aprile, come mezzo per le imprese di accedere a prestiti garantiti dal governo per coprire i costi di mantenimento della propria azienda durante la crisi dettata dal Covid-19. Trudeau ha annunciato che l’ammissibilità è stata ampliata per includere più aziende, con la procedura aggiornata per la presentazione delle domande che sarà disponibile da venerdì.

Il programma offre prestiti garantiti dal governo per $40.000, senza interessi per il primo anno. Se l’azienda è in grado di rimborsare il saldo del prestito entro la fine del 2022, usifruirà di uno sconto fino a $10.000. Il primo ministro ha affermato che anche le domande per quel che concerne il “programma delle eccedenze alimentari” sono aperte.

Progettato come un programma da $25 miliardi, permette alle organizzazioni senza scopo di lucro di presentare domanda attraverso le loro banche, per aiutare a coprire i loro costi operativi durante un periodo in cui i loro ricavi sono stati “temporaneamente ridotti” a causa degli impatti economici del Covid-19.

Promesso per la prima volta a maggio, il programma da 50 milioni di dollari vedrà il governo acquistare grandi quantità di prodotti in eccedenza e ridistribuirli in aree in cui l’insicurezza alimentare è un problema, per evitare di gettare il cibo e per consentire ai produttori di essere ancora retribuiti.