CorrCan Media Group

Strage di Yonge Street: Mercoledì sarà celebrato il funerale di D’Amico

Strage di Yonge Street: Mercoledì sarà celebrato il funerale di D’Amico

TORONTO – Otto donne e due uomini. Tutte e dieci le persone investite e uccise dal van a North York sono state identificate dal coroner dell’Ontario Dirk Huyer. 
A perdere la vita sono stati Anne Marie D’Amico, 30 anni,    Beutis Renuka Amarasingha, 45, Andrea Bradden, 33, Geraldine Brady, 83,  So He Chung, 22, Mary Elizabeth Forsyth, 94, Ji Hun Kim, 22, Dorothy Sewell, 80, Chul Min Kang e  Munir Abdo Habib Najjar, 85. L’età delle vittime è compresa tra i 22 e i 94 anni: tra di loro c’è uno studente della Corea del Sud e un uomo in visita al figlio dalla Giordania.
All’elenco dei feriti si sono aggiunte altre due persone – un uomo di 21 anni e una donna di 67 – che hanno riportato ferite non gravi. Aumenta di conseguenza il numero dei capi di accusa contestati ad Alek Minassian per tentato omicidio che sono ora 16.
Intanto la famiglia D’Amico ha già organizzato i funerali di Anne Marie, la giovane italocanadese che è stata la prima vittima identificata: oggi e domani sarà possibile recarsi presso la Jerrett Funeral Home che si trova su St. Clair per porgerle l’ultimo saluto mentre il 2 maggio, al termine dell’eulogia, alle 11 verranno celebrati i funerali nella St. Clare’s Catholic Church che si trova al 1118 St. Clair Ave. W. 
Il dolore che ha provato Toronto nei giorni scorsi è stato grande così come anche la solidarietà delle persone che si sono unite raccogliendo 1.7 milioni di dollari per le vittime colpite dalla tragedia. A dare il via alla raccolta fondi online denominata  #TorontoStrong Fund, è stata l’organizzazione di beneficienza Toronto Foundation in collaborazione con la Città di Toronto. 
I cittadini si sono stretti attorno alle persone colpite dalla strage di Alek Minassian. Il movente resta ancora un mistero mentre le indagini proseguono a ritmo sostenuto: finora la polizia ha ascoltato la testimonianza di 170 persone e deve ancora parlare con altre 100. Da un post apparso sulla pagina Facebook del giovane di 25 anni, potrebbe ricondursi all’odio verso le donne e alla frustrazione che caratterizzano “The Incel Rebellion”, un gruppo online formato da soli uomini del quale Minassian sembra facesse parte.
Anche il trustee Frank D’Amico, che conosce la famiglia di Anne Marie D’Amico, è partecipe al dolore ed ha deciso di far rievocare il nome della giovane donna, appassionata di sport, durante la partita dell’8 maggio tra i Toronto Blue Jays e Seattle Mariners al Rogers Centre. «Recentemente ho acquistato 100 biglietti per donarli ad alcuni dei miei studenti inclusi quelli diversamente abili così come staff e alcune agenzie locali che si occupano dell’inserimento – dice D’Amico – quando qualcuno compra un gruppo di biglietti è autorizzato, se lo desidera, a scrivere una breve frase sul grande schermo. Vorrei quindi ricordare questa ragazza la cui vita è stata stroncata a soli 30 anni».
Ieri sera nella Mel Lastman Square si sono riunite per una veglia per le vittime migliaia di persone: assieme a loro e a sei leader religiosi hanno partecipato il primo ministro Justin Trudeau, il sindaco John Tory, la premier Kathleen Wynne, il governatore generale Julie Payette, il leader dei Tories federali Andrew Scheer, il capo della polizia di Toronto Mark Saunders e il capo dei vigili del fuoco di Toronto Matthew Pegg. 
 

More in Canada