CorrCan Media Group

Salute dei bambini a rischio a causa dei mutamenti climatici

Salute dei bambini a rischio a causa dei mutamenti climatici

TORONTO – I mutamenti climatici metteranno a serio rischio la salute dei bambini nati, oggi, in Canada.

Lo sostiene un rapporto pubblicato dalla prestigiosa rivista scientifica inglese The Lancet, secondo cui i bambini canadesi dovranno affrontare i rischi alla loro salute rappresentati dall’insorgere di asma, allergie, malattie trasmesse da zecche (morbo di Lyme, ndr) e per il caldo estremo in estate.

I bambini – specie nelle aree rurali – saranno a rischio di perdere la loro casa per incendi ed inondazioni, tutti provocati dai mutamenti del clima in atto. Secondo il rapporto – ad esempio – proprio una maggiore esposizione agli incendi boschivi ed ai fumi che per giorni e settimane pervadono l’aria, cresciuti del 3,5% negli ultimi 20 anni, hanno già provocato seri problemi alle vie respiratorie dei più piccoli.

Il fumo diretto proveniente dai grandi roghi provoca – anche nei soggetti adulti – l’aumentare del rischio di incorrere in patologie cardiovascolari e polmonari. Il numero di canadesi esposti direttamente agli incendi è stato in media di 35.300 – tra il 2001 ed il 2004 – ma salito poi a 54.100, tra il 2015 ed il 2018.

Tra il 1980 ed il 2017, 448.444 canadesi sono stati costretti a lasciare le loro case a causa di incendi, ma oltre la metà di queste evacuazioni è avvenuta dopo il 2010.

Gli effetti cumulativi dei mutamenti climatici metteranno a rischio sia la salute che l’alimentazione dei bambini in tutto il mondo, afferma Nick Watts, medico australiano e direttore esecutivo del progetto denominato Lancet Countdown. Il dottor Watts sostiene che un milione di persone muoiano – ogni giorno, in tutto il mondo – a causa dell’inquinamento provocato dall’uso di energia a carbone.

Raggiungere l’obiettivo dell’accordo di Parigi, volto a limitare il riscaldamento globale ad un grado centigrado e mezzo, potrebbe consentire ad un bambino – nato oggi – di vivere in un mondo che raggiunga le cosiddette “emissioni zero” entro il compimento del loro 31esimo compleanno, secondo il rapporto.

Sebbene il raggiungimento degli obiettivi dell’accordo di Parigi sia cruciale, Watts ritiene che i genitori dovrebbero anche assicurarsi che i loro figli facciano molta attività fisica e che le loro famiglie passino ad una dieta più vegetale, che ha un basso impatto ambientale e riduce sia le malattie cardiovascolari, che alcune forme di cancro.

“La vita di ogni bambino nato oggi sarà profondamente influenzata dai mutamenti climatici”, afferma il rapporto. “Senza un intervento accelerato, questa nuova era arriverà a peggiorare la salute delle persone in ogni fase della loro vita”.

Un mondo più caldo significa più malnutrizione e aumento dei prezzi dei prodotti alimentari. I climi più caldi favoriscono anche la trasmissione di malattie, dalla febbre dengue alla dissenteria.

In Canada, proprio a causa dell’aumento delle temperature, si stanno moltiplicando a dismisura le zecche infestate dal morbo di Lyme, che – quando trasmesso all’uomo – può rivelarsi fatale.

Giorgio Mitolo

More in Canada