CorrCan Media Group

Ottawa in aiuto dei più deboli, nuove restrizioni

Ottawa in aiuto dei più deboli, nuove restrizioni

Ottawa in aiuto dei più deboli, nuove restrizioni

TORONTO – Il governo federale in aiuto delle fasce più deboli durante questa fase dell’emergenza Covid-19.

Justin Trudeau ha annunciato ieri alcune iniziative concrete messe in piede dall’esecutivo federale che riguardano gli anziani, le donne vittime di violenza, i bambini e i senzatetto. Per questi ultimi Ottawa ha deciso uno stanziamento di 157,5 milioni di dollari che saranno utilizzati per trovare una sistemazione alle migliaia di persone che in Canada vivono in strada.

Il governo ha inoltre messo da parte 50 milioni di dollari per le strutture che accolgono le donne che scappano da situazioni di violenza e abusi, incluse quelle che vivono nelle comunità indigene.

“Mentre Covid-19 colpisce tutti i canadesi – ha dichiarato il primo ministro, che si trova ancora in auto isolamento a Ottawa su indicazione delle autorità mediche – alcune persone e alcune comunità sono maggiormente a rischio per l’impatto del virus. Per questo è importante che tutti quanti si sentano sicuri e sostenuti in questo periodo di grande incertezza. L’annuncio di oggi mira all’aiuto dei canadesi più vulnerabili e permette alle organizzazioni comunitarie di avere ciò di cui hanno bisogno per fornire quei servizi essenziali per le persone più a rischio”.

Il governo ha messo a disposizione 9 milioni di dollari attraverso la United Way Canada per aiutare le organizzazioni locali che si occupano di servizi rivolti agli anziani, tra i quali la consegna della spesa e dei medicinali. Ottawa ha quindi stanziato altri 7,4 milioni di dollari per la linea telefonica Kids Help Phone, con la quale sarà garantito il sostegno psicologico ai minori in questo difficile periodo.

Trudeau, ancora una volta, ha ribadito l’importanza del rispetto delle direttive che arrivano dal governo sulla base dei suggerimenti delle autorità sanitarie nazionali. In particolare, il rispetto delle regole della distanza e più in generale l’invito a rimanere a casa per contrastare la diffusione del contagio.

Stesso discorso per chi è tornato dall’estero dopo l’inizio dell’emergenza. In questo caso l’auto quarantena è diventata obbligatoria e dovrà essere rispettato per 14 giorni.

“Il comportamento collettivo e individuale che terremo nei prossimi giorni e nelle prossime settimane sarà decisivo sul futuro dell’espansione pandemica nel nostro Paese. Dobbiamo – ha aggiunto il primo ministro – seguire tutte le regole e le indicazioni”

Trudeau ha ribadito per l’ennesima volta che il governo si riserva la possibilità di nuovi interventi – di sostegno economico ma anche in termini di nuove restrizioni – a seconda dell’evolversi del contagio, che in ogni caso appare contenuto se rapportato a quanto sta succedendo nello Stato di New York, in Italia, in Spagna e in altri Paesi europei.

Nei giorni scorsi il governo federale, grazie al sostegno bipartisan avvenuto in parlamento, ha approvato un primo pacchetto di aiuti da 107 miliardi di dollari a favore delle famiglie, dei lavoratori e delle imprese canadesi.

Si tratta di 55 miliardi in esenzioni fiscali e altri 52 miliardi in misure dirette che dovrebbero garantire fondi sufficienti per attraversare la crisi. In particolare tutti coloro che hanno perso lavoro, o che sono costretti a rimanere a casa perché ammalati o perché devono accudire un familiare ammalato, potranno ricevere fino a 2mila dollari esentasse al mese per sedici settimane.

La scorsa settimana il governo ha anche annunciato misure di sostegno diretto alle imprese, come la garanzia del pagamento di un sussidio sugli stipendi fino al 70 per cento per permettere alle compagnie di mantenere intatta la propria forza lavoro.

Sabato invece il primo ministro ha deciso per una nuova stretta sui viaggi interni. Questa misura, che entrerà in vigore oggi, riguarda le persone che si imbarcano sugli aerei o che salgono sui treni: l’accesso in entrambi i casi sarà negato se il passeggero presenterà dei sintomi riconducibili al Covid-19.