Ospedali senza personale:
orari ridotti e chiusure

di Marzio Pelu del July 12, 2022

TORONTO - È emergenza negli ospedali di tutto il Canada. E non è il Covid-19 la prima causa della "sofferenza" delle strutture, bensì la carenza di personale. Lo avevamo già scritto, nelle scorse settimane, ma l'emergenza è tutt'altro che terminata come dimostra la decisione dell Peel Memorial Hospital, a Brampton, di ridurre l'orario di lavoro: domenica ha chiuso alle 17, invece che alle 21 come di consueto.

"Come altri ospedali, anche noi stiamo affrontando grosse difficoltà per le esigue risorse umane a disposizione e continuiamo a studiare ogni strategia possibile per aiutare i nostri team a continuare a fornire la migliore assistenza alla nostra comunità", ha dichiarato il William Osler Health System.

Lunedì il centro ha riaperto con orario normale. I reparti di emergenza del Brampton Civic Hospital e dell'Etobicoke General Hospital rimangono, almeno per il momento, aperti. Ma i vari pronto soccorso e centri di assistenza urgente in tutta la provincia dell'Ontario si sono visti costretti a chiusure forzate e riduzioni di orario nelle ultime settimane, compresi gli ospedali di Clinton, Kingston e Perth, Ontario.

La carenza di personale è stata alimentata dagli stessi lavoratori che hanno lasciato i ruoli ospedalieri o la professione dopo oltre due anni estenuanti in prima linea nella pandemia, come affermano le organizzazioni che rappresentano infermieri, medici e ospedali pubblici della provincia.

"La carenza di personale è (a causa) del burnout e delle persone che se ne vanno", ha detto la scorsa settimana la presidente dell'Ontario Nurses' Association, Cathryn Hoy. "Ma il motivo per cui si stanno esaurendo è perché entrano per un turno di 8 o 12 ore e rimangono 16 ore. A volte rimangono anche 24 ore".

Hoy ha dichiarato di avere raccolto le testimonianze di alcuni infermieri secondo le quali i pronto soccorso sono dotati di un'unica infermiera per coprire trenta pazienti e, in molti casi, i pazienti vengono curati nei corridoi. "Una sola infermiera non può essere ovunque", ha detto.

Il Ministero della Salute dell'Ontario, da parte sua, ha affermato che la Provincia sta lavorando per rafforzare la capacità della forza-lavoro, offrendo bonus forfettari e fornendo fondi per reclutare più infermieri per le zone più in difficoltà della provincia.

In una simile situazione, ovviamente un'emergenza sanitaria come quella del Covid-19 non fa che rendere ancora più complicata la situazione: contagi e ricoveri, infatti, sono di nuovo in aumento. "C'è questa tempesta perfetta che sta discendendo su di noi, che sta aumentando i volumi di pazienti malati con risorse in diminuzione per rispondere all'emergenza", ha detto il dottor Alan Drummond, medico dell'ospedale di Perth. E probabilmente il peggio deve ancora arrivare.

Foto di Sasin Tipchai da Pixabay

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.