CorrCan Media Group

Nafta 2.0, Passata La Deadline Ma C’è Ancora Speranza

Nafta 2.0, Passata La Deadline Ma C’è Ancora Speranza

TORONTO – Il conto alla rovescia è ormai scaduto. Il Canada, gli Stati Uniti e il Messico non sono riusciti a trovare un accordo di massima sul Nafta 2.0 prima della scadenza della deadline fissata per ieri.

Al momento in cui andiamo in stampa i negoziatori dei tre paesi partner commerciali sono ancora impegnati in una febbrile trattativa e molto difficilmente ci sarà fumata bianca in un negoziato che da mesi si è arenato su alcune questioni sulle quali non si trova la quadra.
A mettere per iscritto la necessità di raggiungere una posizione comune finale era stato nelle scorse settimane Paul Ryan, lo speaker repubblicano della Camera: il documento – aveva sottolineato – doveva essere finalizzato entro il 17 maggio, ultima data utile al Congresso americano per un voto definitivo sull’accordo, prima delle elezioni di Midterm.
Ieri, di fronte alle notizie non proprio confortanti che arrivavano dal tavolo del negoziato, lo stesso Ryan ha fatto sapere che, nonostante vi sia il ritorno alle urne per gli americani, sarebbe ancora possibile arrivare a un voto da parte del Congresso entro la fine del 2018. A patto, ovviamente, che a livello negoziale Usa, Canada e Messico siano in grado di dare alla luce questo agognato Nafta 2.0 la cui discussione dura dall’agosto del 2017.
Ieri pomeriggio lo stesso Justin Trudeau, che si trova negli States per una visita di tre giorni, parlando a una platea di imprenditori e investitori americani non ha nascosto un cauto ottimismo in vista di un accordo al foto finish.
Ma a frenare sulla tabella di marcia messa a punto all’inizio del 2018 ci saranno di mezzo anche le prossime elezioni presidenziali messicane, che ovviamente rallenteranno il processo decisionale in Messico.
In ogni caso i punti di frizione tra i tre Paesi sono sempre gli stessi: il settore auto, con Canada e Messico che non vogliono accettare il giro di vite imposto da Washington sul fronte del local content nelle vetture prodotte in Nord America e la cosiddetta Sunset Clause, cioè la postilla voluta dagli americani che imporrebbe l’approvazione del rinnovo del Nafta entro un determinato periodo di tempo.

More in Canada