CorrCan Media Group

Marijuana, dopo i festeggiamenti arrivano le prime multe

Marijuana, dopo i festeggiamenti arrivano le prime multe

TORONTO – Dopo l’euforia che ha segnato la legalizzazione della marijuana è arrivato il momento di fare i conti con la realtà. Molti consumatori, infatti, sono stati multati per presunte violazioni alle leggi che circoscrivono l’uso di cannabis.

Poche ore dopo che il popolo dello spinello ha preso d’assalto i negozi del Newfoundland per fare i primi acquisti dopo la legalizzazione, la polizia di St. John’s ha comminato una multa a un uomo di 41 anni con l’accusa di essere in possesso di oltre 30 grammi di ‘erba’ in un luogo pubblico.

Nelle prime ore di mercoledì – primo giorno in cui acquistare la cannabis è stato legale in Canada – l’Ontario Provincial Police ha postato su Twitter la foto di una multa di $251 inflitta a qualcuno che aveva con sé una borsa piena di marijuana nella sua auto: “Garantire la sicurezza pubblica è la nostra responsabilità!! NON è OK per un conducente avere marijuana accanto a sé mentre opera un veicolo a motore. Arriva sano e salvo, guida sobrio!!” recita il tweet.

Attraverso la rete sociale Twitter e forze dell’ordine mandano messaggi nella speranza di scoraggiare chi viola la legge: la polizia di Winnipeg ha ad esempio postato una multa salata – ben 672 dollari – comminata a qualcuno che è stato “beccato” a consumare cannabis in un veicolo a motore. Con questo tweet – la foto è esplicativa – la polizia ha voluto ricordare alla gente che pur se il consumo di cannabis è ora legale, ai sensi dell’Highway Traffic Act è vietato consumarla in un’automobile. “Proprio come per le bevande alcoliche, anche consumare cannabis in un veicolo non è permesso dalla legge…”, continua il tweet. La maggior parte delle province e dei territori, tra cui Ontario, British Columbia, Alberta, Manitoba e Nova Scotia, hanno anche leggi che richiedono che la cannabis nei veicoli sia tenuta in confezioni chiuse o sigillate e “non a portata di mano” o “inaccessibili”. La legalizzazione tanto attesa dal popolo della cannabis, e per ovvi motivi dai produttori, è arrivata due giorni fa: le leggi che l’hanno accompagnata però debbono essere rispettate.

More in Canada