Libertà vigilata,
premier in pressing su Trudeau
per cambiare il sistema

di Francesco Veronesi del 16 January 2023

TORONTO - Modificare l’intero sistema federale che regola le scarcerazioni in regime di libertà vigilata. È questa in sostanza la richiesta avanzata da tutti i premier delle dieci Province e dai leader dei tre Territori canadesi al primo ministro Justin Trudeau attraverso una lettera aperta che riapre il dibattito sullo spinoso tema.

La vicenda prende spunto dall’ondata di indignazione in seguito all’omicidio di Greg Pierzchala, agente dell’Ontario Provincial Police ad Hagersville lo scorso 27 dicembre. L’autore materiale del delitto, Randall McKenzie, era libero su cauzione nonostante avesse ricevuto condanne per aggressione e porto abusivo di armi: in un primo momento allo stesso McKenzie era stata negata la libertà condizionata. I documenti del tribunale mostrano che nei mesi scorsi era stato emesso un mandato di arresto per McKenzie dopo che l’uomo non si era presentato in tribunale ad agosto.

La tragica vicenda - è questa la tesi sostenuta dai leader provinciali - è la palese dimostrazione di come il sistema del regime di libertà vigilata, così come quello dei controlli e delle revisioni, presenta delle falle talmente grandi da richiedere un cambiamento radicale. La lettera dei premier, inoltre, mette in luce come vi sia un numero crescente di richieste di modifiche per impedire agli accusati che sono fuori su cauzione di commettere ulteriori atti criminali. Richiesta bipartisan questa, sostenuta da politici di tutti i partiti presenti in parlamento.

"Il sistema giudiziario ha fondamentalmente bisogno di tenere lontano dalle strade chiunque rappresenti una minaccia per la sicurezza pubblica - si legge nella lettera aperta - E questo inizia con modifiche significative al codice penale, un’area esclusivamente all’interno della giurisdizione del governo federale".

La lettera rileva che la questione è stata "oggetto di un’intensa discussione" in una riunione di ottobre dei ministri della Giustizia e della Sicurezza pubblica di tutto il paese, tenutasi in Nova Scotia. "Questo incontro ha portato a un chiaro e unificato invito all’azione per il governo federale per riformare il sistema di cauzione del Canada", afferma.

Il presidente della Canadian Police Association Tom Stamatakis ha dichiarato all’inizio di questo mese che i dettagli della morte di Pierzchala hanno evidenziato la necessità di una riforma complessiva.

"C’è un piccolo numero di criminali prolifici e violenti che continuano a rappresentare un pericolo per la società quando vengono rilasciati, e dobbiamo trovare riforme di buon senso che affrontino questi casi", ha affermato.

Il leader conservatore federale Pierre Poilievre ha dichiarato a fine dicembre che il governo di Trudeau dovrebbe "invertire la sua politica di cattura e rilascio della cauzione", riferendosi a una legge approvata dai liberali nel 2019 che ha aggiornato le disposizioni sulla cauzione nel codice penale. La legge ha codificato un "principio di moderazione" che era stato riaffermato in un caso della Corte Suprema del 2017, che dirige la polizia e i tribunali a dare priorità al rilascio dei detenuti alla "prima occasione ragionevole" e "alle condizioni meno onerose", in base alle circostanze del caso.

Ha anche dato alla polizia più potere di imporre condizioni agli accusati nella comunità per semplificare il processo di cauzione e ridurre il numero di udienze non necessarie, e ha richiesto ai giudici di considerare su cauzione le circostanze delle persone indigene o provenienti da popolazioni vulnerabili.

Alla domanda sulla riforma della cauzione durante un’audizione della commissione della Camera dei Comuni all’inizio di dicembre, il ministro della Giustizia David Lametti ha detto che il disegno di legge C-75 è stato ampiamente sviluppato con le province ed è ancora in fase di implementazione. Troppo poco, per chi chiede che il sistema venga modificato profondamente.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.