CorrCan Media Group

La leadership della Local 506 di Toronto

La leadership della Local 506 di Toronto

Foto – da sinistra: Joe Mancinelli, Jack Oliveira, Marino Toppan
 
TORONTO – Il dipartimento canadese per gli Affari dei Veterani avrebbe potuto approfittare dell’esempio del “Riconoscimento per il Servizio” che il direttivo dell’associazione sindacale LiUNA Local 506 ha messo in evidenza per i suoi “lavoratori pensionati”, membri e iscritti premiati.
Una serata in cui si celebrava la fedeltà, la determinazione e il talento di coloro che hanno davvero offerto completamente se stessi, ogni giorno, per costruire la Città e il paese. 
Una serata sicuramente speciale, eccellente, come quelle tra intellettuali, di gran qualità, eccetto per il menu di grand lunga superiore..
Mi ha colpito il fatto che Carmen Principato e il comitato direttivo hanno voluto omaggiare dovutamente le consorti di quegli uomini che hanno trascurato di farlo, senza temere un contraccolpo e di coloro che hanno tratto forza dalle loro famiglie e dalle loro compagne. Hanno veramente fatto un ottimo lavoro.
Tra coloro riconosciuti, quelli con oltre cinquant’anni di “onorata appartenenza”, che hanno inziato a lavorare con un salario esiguo e meschino, in condizioni pericolose. 
Il signor Principato stesso non ha trattenuto la commozione raccontando le loro sfide per assicurare il pane sulla tavola e sbarcare il lunario con una paga di 1.28 dollari all’ora.
Era un “affare di famiglia”. I diversi interlocutori della LiUNA hanno ringraziato la loro famiglia principale e quella “allargata”, nel modo più appropriato; da Joe Mancinelli (Vice-Presidente Internazionale) a Jack Oliveira (Business Manager per l’Ontario) e Roly Bernardini, attuale presidente della Local 506 di Toronto.
Quest’ultima vanta tanti anni di storia. Possiede un suo personale cronista e storico, Marino Toppan, premiato per i suoi 50 anni di servizio. I suoi fondi pensionistici raggiungono i 7 miliardi di dollari in positivo, che assicurano un degno sussidio agli attuali e ai futuri pensionati.
E non dimentica certo i meno fortunati. Il reverendo Bill Sunberg, nella preghiera prima di iniziare la cena, ha voluto ringraziare in modo particolare i benefattori anonimi della Local 506 che hanno contribuito per la copertura dei prossimi trent’anni, in modo che 50 giovani svantaggiati del nordovest torontino – prevalentemente, ma non escusivamente tali – possano fare l’esperienza di un campo estivo.
La Local 506 è andata anche oltre. È in società con i governi provinciale e federale per l’espansione di strutture e programmi di formazione per “operai specializzati”. 
Ma, come Joe Mancinelli ha evidenziato riconoscendo i premiati, “le cose non accadono per caso”, abbiamo bisogno di persone capaci e dedite e di una “solida leadership” com’è stata quella di Carmen Principato.
La moglie Italia ha sorriso. Carmen a fatica ha trattenuto manifestazioni di commozione.
 
More in Canada