CorrCan Media Group

Il Canada ricorda il sacrificio dei suoi caduti in guerra

Il Canada ricorda il sacrificio dei suoi caduti in guerra

Il Canada ricorda il sacrificio dei suoi caduti in guerra

TORONTO – In tutto il Canada è stata ieri onorata la memoria delle decine di migliaia di militari canadesi caduti nei conflitti che hanno insanguinato la storia moderna e contemporanea, ma che – proprio grazie al loro sacrificio – hanno permesso di sconfiggere regimi tirannici ed illiberali in tutto il mondo.

Nella capitale Ottawa, la commemorazione si è svolta davanti ad almeno trentamila persone convenute al National War Memorial alla presenza del primo ministro, Justin Trudeau, e del governatore generale del Canada, Julie Payette.

“Oggi ci riuniamo per onorare i coraggiosi canadesi in uniforme che hanno servito il nostro Paese durante la nostra storia. Hanno costruito la pace. Hanno difeso la democrazia. Ed hanno permesso a innumerevoli persone di vivere in libertà in tutto il mondo” sono state le parole pronunciate dal primo ministro Trudeau.

“Non diamo mai per scontata la libertà e difendiamo l’uguaglianza e la tolleranza. Sia a Vimy, sulle spiagge della Normandia, sulle rive della Schelda o nelle strade di Ortona, e successivamente in Asia, in Afghanistan, nel mantenimento della pace in vari angoli del mondo, i canadesi hanno sempre servito – e continuano a servire – coraggiosamente , altruisticamente e con grande distinzione” ha ribadito Trudeau.

La battaglia di Ortona – citata da Trudeau – venne combattuta durante la campagna d’Italia della seconda guerra mondiale, tra il 20 e il 28 dicembre 1943, nella città abruzzese situata sulla cosiddetta ’linea Gustav’.

Tra le fila dei soldati canadesi, agli ordini del comandante Christopher Vokes, si contarono ben 1.375 morti e 964 feriti nei durissimi combattimenti contro le truppe della Germania nazista, su quel fronte guidate dal generale Richard Heidrich.

Tutte le forze armate canadesi – dall’esercito, all’aviazione ed alla marina militare – hanno inviato i propri più alti rappresentanti in grado, guidati dal capo di stato maggiore della difesa, Jonathan Vance, per partecipare alla cerimonia ad Ottawa.

Con loro erano presenti anche il ministro degli a¤ari dei veterani, Lawrence MacAulay, il presidente della camera dei comuni, Geo¤ Regan, ed il presidente del senato, George Furey.

A Toronto, davanti al parlamento provinciale di Queen’s Park – sotto una fitta nevicata – il premier dell’Ontario, Doug Ford ha ricordato “quando questi uomini e donne sono stati chiamati per difendere il Canada, non gli è stato chiesto della loro razza, credo religioso o orientamento politico, ma venne loro chiesto se erano pronti a servire il loro Paese”.

In un’altra cerimonia, davanti al cenotafio di Old City Hall, il sindaco John Tory ha ricordato i “valori di fratellanza, amicizia e di comune armonia che contraddistinguono la nostra città, invidiata in tutto il mondo”.

Giorgio Mitolo