CorrCan Media Group

“Il board di Villa Charities Inc. deve dimettersi”

“Il board di Villa Charities Inc. deve dimettersi”

TORONTO – La notizia del diniego dei 32.8 milioni di dollari al Toronto Catholic District School Board ha scatenato un terremoto di non poco conto.
Dopo la soddisfazione per la dichiarazione del ministro Naidoo-Harris e la speranza che quest’incubo finisca presto, sono in molti a riflettere oltre che sull’operato del board cattolico di Toronto anche su quello di Villa Charities Inc. (VCI).
Le ripercussioni in seguito alla dichiarazione che non lascia spazio ad alcuno spiraglio se di mezzo ci va il Columbus Centre, non si sono fatte attendere. Dopo poche ore dalla diffusione della lettera inviata dal ministro dell’Istruzione alla chair del board Barbara Poplawski, è scattata una iniziativa dei soci fondatori del centro comunitario e  di alcuni membri della VCI – Anthony Fusco, Consiglio Di Nino e Paul Ariemma tra questi – che chiede il ritiro  completo del progetto con il TCDSB e la dimissione della dirigenza di VCI.
Già da tempo circolavano voci del grande disappunto provato dalle molte persone che con grande impegno e passione hanno contribuito alla nascita del Columbus Centre: adesso, di fronte al progetto bocciato anche dal ministro Naidoo-Harris, quel che chiedono è che il board di VCI, proprio quello che ha approvato il progetto con il TCDSB, rassegni le dimissioni.
Nel frattempo, una fonte all’interno di Villa Charities Inc. ha confermato che l’iniziativa di questi fautori del Columbus Centre, sta creando spaccature in seno al Board che non è più unito come un tempo.
Intanto la comunità non abbassa la guardia e sarà presente in gran numero al meeting del TCDSB di giovedì 22 febbraio per  ribadire, qualora ce ne fosse ancora bisogno, la sua posizione. 
Proprio durante questo meeting verrà votata la mozione del trustee Piccininni che chiede di recidere la partnership con VCI e che la  Dante Alighieri Academy venga costruita su uno dei terreni di proprietà del board.
Anche la trustee Maria Rizzo potrebbe presentare due mozioni mentre il direttore all’Istruzione McGuckin esporrà la sua raccomandazione in seguito alle consultazioni comunitarie condotte da Villa Charities Inc.
Dopo l’importante no del ministro Naidoo-Harris la battaglia della comunità continua.
More in Canada