Freedom Convoy,
minacce a un giudice

di Mariella Policheni del June 30, 2022

TORONTO - Mentre Ottawa si prepara all’arrivo dei Veterans for Freedom domani, giorno di Canada Day, secondo informazioni ottenute da Radio-Canada e Cbc, uno dei giudici che ha presieduto le udienze in tribunale degli organizzatori del Freedom Convoy ha ricevuto minacce gravi al punto da richiedere l'intervento della polizia.

L’identità del giudice in questione non è stata rivelata per questioni di sicurezza. Quel che è certo è che la sua vita, dice il giudice, è cambiata. “Ho pensato, dovrei dire ai miei figli di non tornare a casa per un po'? - ha detto - ho cambiato il sistema di allarme in casa. Mi è stato consigliato anche di non fare la stessa strada tutti i giorni. Il colmo è che ti senti vulnerabile a casa tua, a casa tua”.

Oltre che un attacco alla persona le intimidazioni sono un attacco alle istituzioni. Il giudice ritiene che la maggior parte dei canadesi rispetti il ​​sistema giudiziario ma che allo stesso tempo una minoranza stia cercando di indebolirlo. “È un'intimidazione. Si sta cercando di influenzare una decisione del tribunale, e questa è una cosa grave”, ha detto.

Il presidente della Corte suprema del Canada Richard Wagner ha espresso preoccupazioni simili in un recente discorso a Montreal. Il Covid-19 ha provocato un forte aumento della circolazione di informazioni errate che possono avere effetti negativi. “La pandemia ha costretto molte persone a vivere, per così dire, online durante il lockdown. Ed è in momenti come questi che le bugie e i complotti si diffondono a macchia d'olio - ha detto Wagner - come abbiamo visto in tutto il mondo, la disinformazione rappresenta una vera minaccia per le istituzioni democratiche".

Secondo il presidente della Corte suprema le manifestazioni che hanno avuto luogo a Ottawa quest'inverno sono derivate in parte dalla disinformazione.

Nel frattempo il Ministero del Procuratore Generale dell'Ontario non ha voluto dire se altri giudici hanno ricevuto avvertimenti dai sostenitori del Freedom Convoy. “Sarebbe inappropriato per il ministero commentare un'indagine di polizia in corso o potenziale - si legge in una e-mail inviata a Radio-Canada dal portavoce del ministero Brian Gray - il ministero prende molto sul serio la sicurezza del tribunale e quella di tutti coloro che si trovano nei nostri tribunali, la polizia locale e la polizia provinciale dell'Ontario sono impegnate a garantire il massimo livello di protezione”.

E tutelare i cittadini di Ottawa, durante le manifestazioni organizzate dai Veterans for Freedom, è la priorità per le forze dell’ordine. Il ricordo di quanto successo in città durante le tre settimane di permanenza del Freedom Convoy è ancora vivo nella mente. La polizia si sta preparando per assicurarsi che le prossime manifestazioni non si trasformino in un'altra occupazione del centro cittadino. Steve Bell, il chief della polizia ad interim di Ottawa, ha dichiarato lunedì che i suoi agenti possono contare sul supporto dei Mounties e della Ontario Provincial Police e che prevede di avere anche a disposizione squadre antisommossa e carri attrezzi.

Contattato dalla Cbc, l'ufficio del ministro della Pubblica Sicurezza Marco Mendicino ha dichiarato che “il governo darà alla polizia gli strumenti e il sostegno necessari per garantire che la gente possa celebrare il Canada Day tranquillamente”.

Un Canada Day, che di certo, sarà diverso da tutti quelli passati.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.