Morneau, affondo contro Trudeau:
mi dimisi, non avevo più
voce in capitolo

di Francesco Veronesi del 9 January 2023

TORONTO - Un rapporto ormai logoro, differenze di vedute sulle politiche finanziarie durante la pandemia, un ruolo di primo piano diventato ormai puramente rappresentativo. Sono queste le principali motivazioni che spinsero Bill Morneau (nella foto sopra) a presentare le dimissioni da ministro federale delle Finanze nell'agosto del 2020, uno strappo politico che viene raccontato nei minimi dettagli nel libro scritto dallo stesso ex politico liberale “Where To from Here: A Path to Canadian Prosperity” in uscita il prossimo 17 gennaio.

Morneau racconta tutte le circostanze che fecero maturare la clamorosa scelta di lasciare l'incarico e di dimettersi dal parlamento federale, una scelta maturata dopo mesi di incomprensioni con lo stesso Trudeau, in particolare sulle politiche finanziarie da attuare per sostenere le imprese, le famiglie e i lavoratori nella fase più acuta della pandemia, quella della primavera del 2020. Ma insieme a questo l'ex ministro delle Finanze racconta anche come il rapporto con il leader liberale si fosse ormai logorato, con l'impossibilità di parlare senza la presenza di una stuola di collaboratori del primo ministro. Senza dimenticare il ruolo e la libertà di manovra concessa dallo stesso Trudeau al suo ministro.

“Ormai - scrive Morneau - ero diventato una via di mezzo tra una semplice figura di facciata senza alcun potere e un timbro”. All'interno del governo - rivela l'ex esponente grit - l'equilibrio tra il ruolo di Trudeau e degli altri ministri era completamente saltato, con il primo ministro che prendeva le sue decisioni senza nemmeno consultarsi con gli altri esponenti del governo. Il braccio destro di Trudeau, ministro delle Finanze per cinque anni, decise di dimettersi perché non aveva più alcuna voce in capitolo. "Le differenze di opinione ci hanno portato su quella strada. Penso che fosse abbastanza inevitabile che cinque anni per me fossero una grande corsa, ma era tempo di andare avanti ".

Come rivela il libro, Morneau sentiva che con il governo di Trudeau e l'Ufficio del Primo Ministro (PMO) si preoccupava di come le cose fossero percepite a scapito della buona politica, e di come questo portasse a uno dei peggiori momenti della sua vita politica.

Scrive che mentre è impressionato da quante decisioni politiche positive sono state prese "al volo" nei primi giorni della pandemia, mentre il governo federale affrontava pressioni per reagire al ciclo di notizie 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e per essere visto rispondere alle esigenze dei principali dati demografici degli elettori come gli anziani, "le logiche politiche sono state messe da parte a favore del punteggio dei punti politici".

"Abbiamo perso l'agenda. Durante il periodo in cui le maggiori spese governative come percentuale del PIL sono state fatte nel più breve tempo dall'avvento della seconda guerra mondiale, i calcoli e le raccomandazioni del Ministero delle Finanze sono stati sostanzialmente ignorati a favore della vittoria di una gara di popolarità ", scrive.

Morneau ha raccontato come nei primi giorni della risposta del governo al COVID-19, i due fossero "molto allineati" nel concordare sulla necessità di sostenere i canadesi che erano senza lavoro. Ma, mentre le ondate di COVID-19 continuavano, lui e il Dipartimento delle Finanze erano interessati a cercare di tracciare come i programmi di aiuto a lunga scadenza, mentre Trudeau si preoccupava di attivare programmi di facciata che a lungo termine non avrebbero inciso più di tanto. Con il passare dei mesi la rottura divenne insanabile e questo portò alle dimissioni.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.