Covid, la settima ondata
è arrivata in Ontario

di Mariella Policheni del July 8, 2022

TORONTO - È la notizia che nessuno ama sentire quella rilasciata dall’Ontario Science Advisory Table. La provincia è probabilmente entrata in una nuova ondata di pandemia guidata dalla sottovariante BA.5. Nei messaggi postati su Twitter il tavolo tecnico scientifico cita la "crescita esponenziale" nel conteggio dei casi in circa l'80% delle unità di salute pubblica, nonché l'aumento del numero delle ospedalizzazioni e dei tassi di positività ai test.

Gli scienziati hanno anche affermato che nelle acque reflue della maggior parte delle regioni vengono registrati livelli più elevati di attività virale in generale. “Le prove attuali non suggeriscono che BA.5 sia più grave o che porterà a un aumento dei ricoveri pari alle ondate precedenti. Tuttavia, qualsiasi aumento arriva in un momento in cui gli ospedali stanno già affrontando la carenza di personale e tempi di attesa record: questo ha un impatto su tutti noi - ha affermato il Science Table - e se BA.5 si diffonde ampiamente, potremmo assistere a un aumento dei decessi tra i gruppi a rischio più elevato - gli anziani per esempio - come è già avvenuto durante le ondate precedenti".

In Ontario, dove la sottovariante BA.5 è ora dominante, anche la maggior parte degli indicatori di salute pubblica stanno iniziando ad andare nella direzione sbagliata dopo mesi di graduale miglioramento.

I dati più recenti diffusi dal Ministero della Salute il 30 giugno hanno mostrato, per la prima volta da maggio, un aumento settimanale dei ricoveri per Covid-19. In rialzo anche il tasso di positività ai test molecolari, con la media passata da 7,64 del 23 giugno a 9,82 del 30 giugno.

Nel frattempo, le misure di salute pubblica che esistevano durante le precedenti ondate di pandemia sono ora scomparse, incluso l’obbligo di indossare la mascherina nelle strutture ad alto rischio.

Intanto il direttore del Science Table dell’Ontario Fahad Razak riapre il discorso sull’utilità delle mascherine. Razak non crede che l’obbligo di indossare le mascherine “avrebbe potuto di per sè impedire l’aumento al quale stiamo assistendo in questo momento”, tuttavia ritiene che sono “un modo semplice per poter ridurre la diffusione virale e ci permetteranno di fare molte delle cose che ci stanno a cuore”. "Le mascherine per me sono parte della soluzione e questo è chiaramente un momento in cui usarle in un ambiente chiuso è importante", ha detto.

Non crede, invece, che occorra imporre nuovamente restrizioni il Chief Medical Officer of Health dell'Ontario Kieran Moore. “Il fenomeno è globale. Tutti i paesi dell'emisfero occidentale stanno sperimentando questa situazione - ha detto Moore - mentre i nostri confini si stanno aprendo, con il ritorno dei viaggi è naturale che questo virus circoli a livello globale. Ma l'Ontario fino ad oggi sta facendo molto bene nel ridurre al minimo il suo impatto sul sistema sanitario”.

Moore ha affermato che i residenti della provincia dovrebbero farsi immunizzare. "Vorrei solo sottolineare che ci sono 5 milioni di abitanti dell'Ontario che non hanno ancora approfittato della prima dose di richiamo, un milione di loro ha più di 50 anni e secondo noi è a rischio - ha concluso Moore - invito caldamente quei 5 milioni di abitanti dell'Ontario che non hanno approfittato del primo booster a fare la dose di richiamo".

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.