Covid-19, serve sistema
di rilevazione più preciso

di Mariella Policheni del April 22, 2022

TORONTO - In assenza dei test PCR su larga scala, il Canada deve sviluppare un metodo accurato per rilevare la presenza del Covid-19. È quanto affermano gli esperti in questa sesta ondata che sta facendo registrare un elevato numero di ricoveri in ospedale: ieri sono stati 1.626.

Da quando la variante Omicron si è fatta strada, province e territori hanno ridotto l'accesso ai test PCR standard, citando l’incapacità di tenere il passo con la domanda. Molte persone da allora hanno fatto affidamento sui risultati dei test antigenici rapidi, ma questi non sono così affidabili nel rilevare questo ceppo di Covid.

Di fronte a una situazione fatta di incertezza e preoccupazione gli epidemiologi affermano che deve esserci un modo migliore per informare le persone circa l’andamento dei contagi di Covid nelle loro comunità.

La dottoressa Caroline Colijn, matematica ed epidemiologa della Simon Fraser University, ha affermato che al momento ci sono "troppe infezioni" in Canada per espandere l'accesso ai test PCR a tutti per scoprire il vero numero di infezioni.

Programmi più consistenti, dice la Colijin, potrebbero essere utilizzati anche per captare altri tipi di infezioni respiratorie. “E sospetto che siano in fase di sviluppo, ma fino a quando non saranno creati, distribuiti e i risultati non saranno disponibili pubblicamente, le persone avranno difficoltà a scoprire quali sono i loro rischi nel loro gruppo sociale, nella loro comunità e sul posto di lavoro - ha affermato - quindi avranno difficoltà ad avere le informazioni necessarie per fare le proprie scelte”.

Colijn ha affermato che i dati sulle acque reflue sono una fonte di informazioni davvero importante che può essere condivisa pubblicamente senza compromettere i dati medici privati ​​di nessuno e possono aiutare le comunità a comprendere la presenza diffusa del Covid-19. Ma come i PCR e i test rapidi, anche questo metodo presenta dei limiti.

Sono numerosi i fattori che potrebbero influenzare l’analisi delle acque reflue, spiega Caroline Colijn, come le precipitazioni, la temperatura e diverse varianti, risultando in stime dei casi Covid-19 meno accurate. Quel che potrebbe funzionare e dare un quadro attendibile della situazione, ha detto Colijn, è un sistema integrato che incorporerebbe i dati sulle acque reflue, insieme al PCR e ai risultati dei test rapidi, in un modo progettato per dipingere uno stato delle cose più accurato riguardo il numero dei casi di Covid-19 presenti in una popolazione e informare le persone sul rischio di contrarre il virus.

Peter Juni, direttore dell'Ontario COVID-19 Science Advisory Table, ha osservato che “probabilmente non è sostenibile" estendere nuovamente l'accesso ai test PCR a tutti gli individui sintomatici a causa dell'alto costo dei test. “Ciò che serve è un sistema di rilevamento del Covid in grado di utilizzare un campione casuale in una popolazione per cercare di capire cosa stia realmente accadendo e che possa essere potenziato se necessario”, ha affermato Juni.

Il direttore del Tavolo Tecnico Scientifico ha anche avvertito che potrebbe esserci un piccolo aumento di contagi dopo le festività di Pasqua, Passover e Ramadan. “La sesta ondata ha raggiunto il picco - ha detto - un incremento di casi non cambierebbe fondamentalmente la traiettoria di questa ondata”.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.