Corsa alla leadership,
crepe nel PC

di Mariella Policheni del July 5, 2022

TORONTO - Dopo aver perso tre elezioni consecutive vincibili, i conservatori stanno ora affrontando la loro terza elezione per la leadership in sette anni e se questa volta non ci riusciranno, il partito potrebbe ‘fratturarsi’. È quanto afferma Marjory LeBreton (nella foto sopra), l’ex leader del governo conservatore nel Senato che si è ritirata nel 2015.

"Ho molta paura, dobbiamo fare le cose nel modo giusto - ha detto LeBreton, che è stata anche ministro di gabinetto nel governo Stephen Harper tra il 2006 e il 2013 - tutti i candidati portano avanti le loro idee e alcuni di loro io non li sosterrei per nessuna ragione, ma hanno il diritto di dire cosa farebbero. I problemi che tutti stanno portando al tavolo non verranno mai affrontati se non riusciamo a farci eleggere. E al momento, per come ci stiamo comportando, non siamo eleggibili".

Sei candidati sono in corsa per la leadership del Progressive Conservative, inclusi i parlamentari conservatori Pierre Poilievre (Carleton, Ont.), Leslyn Lewis (Haldimand-Norfolk, Ont.) e Scott Aitchison (Parry Sound-Muskoka, Ont.), l'ex premier del Quebec Jean Charest, il sindaco di Brampton Patrick Brown e l'ex parlamentare indipendente dell'Ontario Roman Baber.

LeBreton, che è stata un insider politico dai tempi di John Diefenbaker ed è stata nominata alla Red Chamber nel 1993 dall'ex primo ministro del PC Brian Mulroney, ha affermato che il voto alla leadership non è solo fondamentale per il partito, ma anche per il Paese, per fornire ai canadesi una valida alternativa a quello che ha descritto come il governo "incompetente" del primo ministro Justin Trudeau e dei liberali.

Al momento Poilievre viene premiato dai sondaggi di opinione e la maggior parte degli osservatori politici si aspetta che Poilievre vinca la leadership, ma alcuni conservatori sono preoccupati che il parlamentare di Ottawa porti il ​​partito più a destra e renda il PC ineleggibile nei grandi centri urbani.

Un recente esempio di questa preoccupazione è stato il sostegno dato da Poilievre alla protesta dei camionisti che ha bloccato il centro di Ottawa, insieme a diversi valichi di frontiera tra Canada e Stati Uniti alla fine di gennaio e febbraio.

In un recente discorso in Quebec, anche Mulroney ha espresso la sua insoddisfazione per l'attuale direzione del partito. Come riportato da La Presse, Mulroney ha affermato di non riconoscersi nell'attuale partito conservatore, ma ha espresso sostegno al suo "amico" Jean Charest.

Nel frattempo, LeBreton ha affermato che i liberali non hanno vinto le ultime due elezioni, piuttosto sono i conservatori ad aver perso, riferendosi al fatto che i liberali non hanno vinto il voto popolare come hanno fatto invece i conservatori nel 2019 e nel 2021 e che il governo in carica è stato ogni volta limitato a un governo di minoranza.

Nelle elezioni federali del 2019, i liberali hanno affrontato una serie di controversie di alto profilo, come ad esempio, lo scandalo SNC-Lavalin. E nel 2021, i canadesi erano infuriati con Trudeau per aver indetto elezioni non necessarie con due anni di anticipo nella speranza di guadagnarsi i favori dei canadesi in relazione alla gestione della pandemia ma i conservatori non sono riusciti ad approfittare delle loro defaillances.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.