Caro-cibo, un canadese
su cinque soffre la fame

di Mariella Policheni del 10 June 2022

TORONTO - I prezzi dei prodotti alimentari stanno aumentando sempre di più e mangiare sta quasi diventando un lusso. Un numero crescente di canadesi è obbligato a farsi i conti in tasca e acquistare prodotti alimentari meno cari, lasciando fuori dal carrello della spesa quelli che sono aumentati di più, come pasta, pane e carne.

È quanto suggerisce il sondaggio di Food Banks Canada che mette in risalto come la fame e l'insicurezza alimentare stiano salendo in tutto il paese, con i canadesi a basso reddito colpiti più duramente dall'inflazione.

“È davvero triste constatare quante persone in questo paese stanno lottando per acquistare il cibo - ha detto lunedì il ceo di Food Banks Canada Kirstin Beardsley - abbiamo scoperto che negli ultimi due anni quasi un canadese su cinque ha dichiarato di soffrire la fame".

Il sondaggio condotto da Mainstreet Research ha rilevato che quasi un quarto dei canadesi ha riferito di mangiare meno del dovuto perché non ci sono abbastanza soldi per il cibo, una cifra che è quasi raddoppiata per coloro che guadagnano meno di $ 50.000 all'anno.

Ciò significa che, se applicato alla popolazione in generale, tra il 21,5 e il 24,5 per cento dei canadesi potrebbe aver mangiato meno di quanto avrebbe dovuto a causa dei costi alimentari, mentre per coloro che guadagnano meno di $ 50.000 all'anno, la percentuale potrebbe variare da 38,5 a 41,5 per cento.

Beardsley ha affermato che la maggior parte dei banchi alimentari è già al limite e che questa estate dovrebbe essere la più dura nei 41 anni di storia dell'organizzazione, anche tenendo conto dell'aumento della domanda durante il momento peggiore della pandemia di Covid-19. “Le banche del cibo sono state in prima linea nella pandemia... mantenendo le porte aperte, assicurandosi che le persone che avevano bisogno di cibo avessero accesso a quel cibo - ha affermato - quindi ci stiamo avviando verso un'estate difficile dopo che gli ultimi due anni hanno messo in ginocchio le persone”.

Beardsley ha affermato che anche il costo dei generi alimentari sta colpendo i banchi alimentari in un modo diverso. “Meno persone sono in grado di donare perché i loro budget sono ristretti. Pur non avendo bisogno di rivolgersi alla banca del cibo non dispongono però di denaro per donare cibo ai banchi alimentari”, ha detto.

Statistics Canada afferma che i consumatori hanno pagato il 9,7% in più per il cibo nei negozi ad aprile rispetto a un anno fa, l'aumento più grande dal settembre 1981.

L'agenzia federale dice che i prezzi della pasta sono aumentati del 19,6% su base annua, i prodotti a base di cereali sono saliti del 13,9%, il pane è più caro del 12,2% e il costo della frutta fresca è aumentato del 10%.

La residente di Oakville Breanna Cordeiro ha affermato che l'aumento del prezzo della benzina combinato con i salari stagnanti ha lasciato la sua famiglia a fare i conti nei corridoi del supermercato. “Prendendo in considerazione il budget la domanda che sorge spontanea è dove possiamo fare dei tagli? - ha detto - e sfortunatamente, a volte, deve essere il cibo”.

La sua famiglia sta optando per un numero maggiore di pasti senza carne e fa scorta di generi alimentari in gran parte in base a ciò che è scontato. Sbarcare il lunario è diventata un’impresa.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.