Carenza infermieri,
Ford non ha un piano

di Mariella Policheni del August 11, 2022

TORONTO - Non è piaciuto neanche un po’ ai medici l’approccio del premier Ford verso il settore sanitario. Un settore in piena crisi con i pronto soccorso di numerosi ospedali dell’Ontario costretti a chiusure temporaneamente nei fine settimana a causa della carenza di personale.

Il medico di terapia intensiva del Michael Garron Hospital Michael Warner non nasconde la sua grande delusione: riconoscere l’esistenza di un problema è il primo passo, dice, ma non disporre di un piano per aiutare gli operatori sanitari è davvero preoccupante. "Il sistema è sottoposto a più stress di quanto lo sia mai stato finora - ha detto il dottor Michael Warner - credo che se quest’autunno arriverà qualche ondata di Covid-19 il sistema sarà messo in ginocchio".

Il discorso dal Trono di Ford, pronunciato dalla vice governatrice Elizabeth Dowdeswell, ha riconosciuto che si può fare di più per alleviare la pressione sul sistema sanitario, ma non ha offerto nuove soluzioni al problema. "Il vostro governo si sta impegnando attivamente con i partner del sistema sanitario per identificare soluzioni urgenti e attuabili e metterà in pratica tutte le misure necessarie per alleviare le pressioni immediate, assicurandosi anche che la provincia sia pronta a rimanere aperta durante qualsiasi ondata invernale", ha affermato Dowdeswell nel discorso.

Ma secondo Warner c’è una ’disconnessione’ tra il governo Ford e gli operatori sanitari, che non fa che aumentare il crescente "disagio morale" e il burnout nella professione.

Che gli infermieri non stiano lavorando con serenità e che invece siano sottoposti ad un livello di stress molto elevato è quanto constata anche il dottor Chris Simpson, vicepresidente responsabile del settore medico in seno all’Ontario Health e cardiologo presso il Kingston Health Sciences Centre. “Lavorando a stretto contatto con gli infermieri ho visto che hanno dovuto farsi carico di molte ore di straordinario in un ambiente poco piacevole ma ho notato anche che fanno sempre il loro lavoro con professionalità nonostante spesso siano demoralizzati - ha detto Simpson - gli infermieri sono, e continuano ad essere, la spina dorsale del sistema”.

Simpson, inoltre, non è affatto d’accordo con la ministra della Salute Sylvia Jones, che reputa la mancanza di personale una cosa normale quando molti infermieri prendono le ferie. “Definirei questa situazione senza precedenti - ha dichiarato il medico - in genere i problemi di personale riguardano comunità remote nell’Ontario settentrionale ma ora a dover fare i conti con la carenza di operatori sanitari sono ospedali di comunità di medie e grandi dimensioni, persino ospedali accademici”.

E Nour Khatib, medico di un pronto soccorso nella Gta, crede che forse occorra “vedere per credere”. Suo è l’invito postato sui social media al premier Ford e alla ministra Jones di fare un giro nel pronto soccorso dove lavora in modo da rendersi conto in prima persona della carenza di personale e della crisi in cui versa il sistema sanitario della provincia. “Sono una persona professionale e rispettosa, voglio solo che vediate con i vostri occhi quello che noi vediamo ogni giorno”, ha scritto Khatib.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.