Caos voli, compagnie aeree
e aeroporti canadesi i peggiori

di Mariella Policheni del July 6, 2022

TORONTO - Continua senza sosta il caos negli aeroporti. Ritardi, cancellazioni, bagagli persi: è stato un weekend di passione per il traffico aereo quello del Canada Day. E proprio durante questo lungo fine settimana di inizio luglio le compagnie aeree e gli aeroporti canadesi hanno conquistato la maglia nera per ritardi dei voli, in misura maggiore di quasi tutti gli altri nel mondo.

Secondo FlightAware - una società tecnologica multinazionale americana che fornisce dati e prodotti di tracciamento dei voli in tempo reale - Air Canada si è classificata al primo posto peri ritardi di sabato e domenica poiché due terzi dei suoi voli - 717 viaggi in totale - sono atterrati in ritardo.

Con il 67% di domenica, era di oltre 14 punti percentuali sopra i tre vettori in parità per il secondo posto, due dei quali sono affiliati ad Air Canada. Jazz Aviation, una compagnia con sede ad Halifax che fornisce servizi regionali per Air Canada, e la low cost Air Canada Rouge hanno entrambe registrato ritardi nel 53% dei voli, posizionandosi domenica al secondo posto insieme al vettore regionale greco Olympic Air. Sabato, WestJet e la sussidiaria Swoop si sono piazzate rispettivamente terza e quarta (55% dei voli).

Sul fronte degli aeroporti, domenica il Pearson di Toronto ha conquistato il secondo posto dopo che il 53% delle partenze è stato bloccato, superato in classifica solo dal principale aeroporto cinese di Guangzhou. Pearson, l'hub principale di Air Canada, ha battuto l'aeroporto Charles de Gaulle di Parigi e l'aeroporto di Francoforte in Germania. L'aeroporto di Montreal si è piazzato al sesto posto con il 43% dei decolli ritardati, alla pari con l'Heathrow di Londra.

Air Canada ha dichiarato la scorsa settimana - nel momento in cui è in corso una consistente ripresa dei viaggi dopo due anni di pandemia di Covid-19 - che taglierà oltre il 15% dei suoi voli estivi, ovvero quasi 10.000 voli a luglio e agosto, colpendo centinaia di migliaia di passeggeri.

Secondo gli esperti il flusso di passeggeri negli aeroporti canadesi durante le ore di punta è già ai livelli del 2019, anche se più vicino all'80% del volume pre-pandemia in generale. "Sarà così per tutta l'estate", ha affermato Helane Becker, analista di compagnie aeree per la società di investimenti Cowen. “Quasi tutte le compagnie aeree hanno incoraggiato le persone ad andare in pensione in anticipo o a prendere dei congedi. E quelle persone che sono andate in pensione presto forse non vogliono tornare al lavoro", ha detto riferendosi ai dipendenti delle compagnie aeree.

Inoltre, stando ai sindacati, ad alcuni piloti non è stata ancora rinnovata la licenza, mentre i posti di lavoro a terra e di smistamento bagagli rimangono vacanti a causa dei bassi salari e delle condizioni di lavoro stressanti.

La folla in aumento nelle aree di arrivo internazionali ha spinto il capo dei vigili del fuoco della Greater Toronto Airports Authority a emettere una direttiva che avverte di un potenziale "pericolo" causato da uscite intasate e "problemi per la sicurezza fisica". “La congestione dei passeggeri al livello di trasferimento all'arrivo del Terminal 1 e del Terminal 3 continua a superare i livelli accettabili in determinati orari, in parte dovuto al fatto che alcuni vettori aerei non seguono la Hold Procedure in vigore allo scopo di mantenere la sicurezza negli edifici del terminal", ha detto Todd Aitken.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.