Campagna in aiuto
dei Paesi poveri: il Canada dona
quasi 18 milioni di vaccini

di Mariella Policheni del July 14, 2021

TORONTO - Il Canada sta donando 17.7 milioni di dosi del vaccino contro il coronavirus AstraZeneca per aiutare a immunizzare le persone nei Paesi a basso e medio reddito. Ad annunciarlo sono state la ministra per lo Sviluppo internazionale, Karina Gould, e la ministra del Public Services and Procurement, Anita Anand: le dosi, hanno detto, fanno parte dell'accordo di acquisto anticipato del governo federale con la società e saranno distribuite tramite COVAX.

COVAX è un'iniziativa globale di condivisione dei vaccini coordinata congiuntamente dall'Organizzazione mondiale della sanità, dalla Coalition for Epidemic Preparedness Innovations, Gavi e The Vaccine Alliance. Il programma raccoglie fondi dai Paesi più ricchi per acquistare vaccini e garantire che anche i Paesi a basso e medio reddito abbiano accesso ai vaccini. Questa nuova donazione si aggiunge ai 440 milioni di dollari che il governo federale ha già promesso per COVAX.

“Questa donazione è il risultato del nostro approccio proattivo nei contratti iniziali per garantire centinaia di milioni di vaccini Covid-19. Con quasi 55 milioni di vaccini distribuiti in Canada e con le richieste delle province e dei territori per questo vaccino che sono state soddisfatte, noi ora siamo in grado di donare queste dosi in eccesso”, ha detto Anand.

Il governo federale ha anche annunciato che sta collaborando con l'UNICEF in una campagna di raccolta fondi per incoraggiare i canadesi a donare dosi di vaccino contribuendo con $10.

Tutte le donazioni dei canadesi saranno corrisposte dal governo federale, fino a un massimo di 10 milioni di dollari. Questa campagna si concluderà il 6 settembre: le persone possono donare tramite l'UNICEF o inviando un sms VACCINES al 45678.

Anand e Gould hanno affermato che se la campagna dell'UNICEF verrà massimizzata, fornirà denaro sufficiente per vaccinare quattro milioni di persone nei Paesi in cui le campagne di vaccinazione stanno incontrando notevoli difficoltà per soddisfare la domanda.

La ministra Anand ha dichiarato che il governo federale ha anche una riserva di tre milioni di dosi dei vaccini Pfizer e Moderna e che le province hanno chiesto al governo federale di non consegnarle fino a quando non saranno pronte a riceverle.

Anand ha messo in chiaro che le province hanno detto alla Public Health Agency of Canada di essere in possesso di tutte le dosi di AstraZeneca di cui hanno bisogno: di conseguenza, ha puntualizzato la ministra, il governo federale ha potuto decidere di donare le quasi 18 milioni di dosi.

Non è mancata una stoccata da parte del deputato conservatore federale Garnett Genuis secondo cui il governo federale non dovrebbe donare i vaccini che “non raccomanda ai canadesi”.

La Public Health Agency of Canada e il National Advisory Committee on Immunization hanno entrambi affermato che i vaccini mRNA come Moderna o Pfizer sono "preferibili" al prodotto di AstraZeneca, sebbene tutti e tre siano stati approvati per l'uso in Canada.

Il presidente e amministratore delegato dell'UNICEF Canada, David Morley, ha detto che poiché AstraZeneca può essere conservato in un normale frigorifero, mentre i vaccini mRNA devono essere custoditi in condizioni estremamente fredde, AstraZeneca può essere somministrato nei Paesi in via di sviluppo con maggiore facilità.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.