CorrCan Media Group

TFC-New York City, un “pari di rigore”

TFC-New York City, un “pari di rigore”

TORONTO – Un rigore sbagliato dal Toronto Fc, un rigore negato al New York City.

Questi due episodi hanno caratterizzato il finale della partita disputata sul campo di baseball dei Giants tra la squadra della Grande Mela ed i Reds di Toronto.

Al 70’, mentre si era sull’1-1, l’arbitro Chris Penso, dopo aver consultato il Var, concede un rigore per un fallo di mano in area che gli era sfuggito. Sul dischetto si presenta Pozuelo che al 40’ indirizza il tiro alla sinistra del portiere come aveva fatto nel primo tempo. Stavolta, però, il numero uno newyorchese Sean Johnson, intuisce e para.

L’occasione fallita non frena i Reds che continuano ad attaccare.

In fase di recupero scatta il contropiede del City. Valentin Castellanos rovina in area dopo un contatto con Mavinga che, con il gomito, gli fa sanguinare il naso. L’arbitro non concede il rigore, poi a fine gara spiega che il colpo di gomito è venuto dopo che aveva già interrotto il gioco per un fallo di Castellanos. Fosse vera questa versione avrebbe dovuto comunque espellere Mavinga per gioco violento.

Il City era passato in vantaggio al 6’ del primo tempo grazie da un calcio piazzato tirato magistralmente da Alexandru Mitrita.

Il pareggio dei Reds arrivava al 40’ su rigore concesso da penso per una trattenuta su Altidore.

Con il punto di New York il Toronto si assesta al quarto posto in classifica, a pari punti con il Dc, un punto in più del City.

More in Calcio