CorrCan Media Group

Peretz, già condannato per il ferimento di Louise Russo

Peretz, già condannato per il ferimento di Louise Russo

TORONTO – Uno dei due feriti nella sparatoria avvenuta nell’affollato parcheggio dello Sherway Gardens lo  scorso mercoledì, è Mark Peretz già condannato per la sparatoria all'esterno del California Sandwich il 21 aprile del 2004.
È quanto emerge dall’investigazione della polizia in seguito all’esplosione di colpi di arma da fuoco di fronte all’ingresso nel centro acquisti di Etobicoke: Peretz, 49 anni, ha riportato ferite molto gravi mentre l’uomo in sua compagnia è stato medicato in ospedale per ferite minori provocate dai vetri infranti del finestrino dell’auto..
Secondo la polizia il bersaglio è stato proprio Peretz, condannato assieme ad altre persone per la sparatoria nella quale è rimasta ferita Louise Russo, 45 anni, da allora paralizzata dalla vita in giù.
Non era la Russo il bersaglio designato dei killer ma tre uomini – lo spacciatore di droga Michele Modica e due guardie del corpo – che stavano aspettando in fila nel negozio il loro turno per essere serviti. Davanti a loro si trovava, per sua sfortuna, Louise Russo. Tutti e quattro gli uomini coinvolti nella sparatoria si sono dichiarati colpevoli ma nel 2006 è stato raggiunto un patteggiamento che ha scatenato polemiche nel governo dell ’Ontario:
 
i politici all’opposizione sostennero che si trattava di un tentativo per ricevere sentenze meno dure. Nonostante ciò il giudice ha accettato il patteggiamento ed ha condannato Peter Scarcella, Paris Christoforou e Peretz a nove anni di carcere ciascuno mentre Antonio Borrelli, responsabile di aver premuto il grilletto, a 10 anni dietro le sbarre.  Peretz è un ex residente di Vaughan implicato nel gioco d’azzardo illegale che secondo un agente di polizia, non fa parte nè della mafia nè degli Hells Angels. A colpirlo, nel parcheggio della Sherway Gardens Mall, secondo un testimone oculare, sarebbe stato un uomo vestito di nero e con il viso coperto da un passamontagna che ha iniziato a sparare contro il finestrino del conducente con un’arma dotata di silenziatore.
L’uomo, sarebbe poi fuggito a bordo di un veicolo di colore nero, assieme ad un complice: l’auto che è stata ritrovata dalla polizia incendiata nella zona di Hurontario Street e Queen Elizabeth Way a Mississauga, è risultata rubata.
Le indagini proseguono a ritmo serrato: la polizia chiede a chiunque sia in possesso di informazioni utili o abbia assistito alla sparatoria di farsi avanti.
More in Calcio