CorrCan Media Group

Montreal, Plante diventa il primo sindaco donna

Montreal, Plante diventa il primo sindaco donna

TORONTO – Valérie Plante batte il primo cittadino uscente Dennis Coderre e diventa il primo sindaco donna di Montreal. È questo il responso del voto amministrativo di domenica, dove a decidere gli esiti delle votazioni è stata la percentuale di indecisi che ha optato per il cambiamento dopo quattro anni di amministrazione Coderre. Stando ai risultati ufficiali, Plante è stata in grado di raccogliere 243.242 voti pari al 51,3 per cento, mentre l’ex ministro dell’Immigrazione del governo Chretien non è andato oltre alle 216.104 preferenze (45,6 per cento). Jean Fortier, sostenuto da Coalition Montréal e gli altri cinque candidati indipendenti – Bernard Gurberg, Gilbert Thibodeau, Fabrice Ntompa Ilunga, Philippe Tessier e Tyler Lemco – si sono dovuti accontentare delle briciole. 
I sondaggi avevano rilevato una situazione di sostanziale parità tra Plante e Coderre. Il 22 ottobre, secondo Leger, i due candidati erano appaiati al 38 per cento, con un corposo 21 per cento di indecisi. Il 24 ottobre, nell’ultimo sondaggio effettuato da CROP, Plante si posizionava attorno al 39 per cento mentre il sindaco uscente era a quota 37 per cento. 
Plante, 43 anni, è nata a Rouyn-Noranda e in passato ha anche vissuto in Ontario, a North Bay. Dopo essersi laureata in Antropologia ha lavorato per lungo tempo nel settore sociale e no profit prima di diventare consigliere comunale nel 2013, anno in cui Coderre è diventato sindaco di Montreal. 
“Oggi – ha dichiarato Plante domenica sera, dopo l’ufficializzazione della clamorosa vittoria contro Coderre – abbiamo scritto una nuova pagina nei libri di storia di Montreal: 375 anni dopo Jeanne Mance, Montreal finalmente ha il suo primo sindaco donna”. 
Coderre, dal canto suo, ha concesso la vittoria alla sfidante, rivendicando però quanto fatto dalla sua amministrazione negli ultimi quattro anni: un punto di netta rottura – ha detto – rispetto al governo dell’ex sindaco Gérald Tremblay, costretto a dimettersi travolto dagli scandali. 
“Montreal – ha dichiarato lo sconfitto – è una città eccezionale. Abbiamo riscoperto la sua integrità, la sua gioia di vivere, il suo orgoglio”. 
Plante ha vinto la sua battaglia con un programma progressista, facendo leva sulle numerose proposte per rivoluzionare il settore dei trasporti pubblici. 
Nella sua piattaforma programmatica, tra l’altro, è presente la proposta di costruire una nuova linea della metropolitana.
More in Calcio