CorrCan Media Group

Leadership tory, Alexander ci sta pensando

Leadership tory, Alexander ci sta pensando

Leadership tory, Alexander ci sta pensando

di Francesco Veronesi

TORONTO – Chris Alexander starebbe seriamente pensando di gettarsi nella mischia e lanciare la sua candidatura per la leadership conservatrice. L’indiscrezione, lanciata ieri in esclusiva da BuzzFeed Canada, per ora non ha trovato conferme da parte dell’ex ministro dell’Immigrazione dell’ultimo governo Harper.

Stando a quanto riportato dallo stesso portale di news, Alexander durante il gala “Adrienne Clarkson Prize for Global Citizenship” avrebbe dichiarato la sua intenzione a candidarsi alla guida del Partito Conservatore.

La possibile entrata in campo dell’ex ambasciatore canadese a Kabul arriverebbe proprio mentre gli altri cinque candidati alla leadership sono impegnati in un acceso dibattito sulla proposta – lanciata Kellie Leitch – di introdurre un test ideologico per gli immigrati: il vaglio – sostanzialmente – della necessaria aderenza dell’immigrato tra i suoi valori e quelli canadesi.

E proprio questo l’elemento potrebbe fare da detonatore a un clima di accuse e veleni già esplosivo all’interno della dirigenza tory. Da un lato, infatti, stiamo assistendo a un braccio di ferro senza esclusione di colpi tra i vari candidati, che hanno sonoramente bocciato la proposta della Leitch definendola “ingiusta, contraria ai valori canadesi e irrealizzabile”. Dall’altro avremmo un sesto candidato che per anni ha ricoperto il ruolo di ministro dell’Immigrazione e che avrebbe quindi tutta la legittimità e l’esperienza per dire la sua sulla questione.

Il problema, però, è rappresentato dal record di Alexander alla guida di uno dei dicasteri chiave a Parliament Hill. Perché sono da attribuire ad Alexander due riforme che hanno prodotto esiti fallimentari, due riforme delle quali stiamo ancora pagando a caro prezzo le conseguenze.

La prima è quella dell’Express Entry, il sistema a punti entrato in vigore nel gennaio del 2015 che ha messo in ginocchio – con le sue inadempienze, lungaggini burocratiche e mancanza di flessibilità – numerosi comparti della nostra economia, a partire dal settore della ristorazione. La seconda è rappresentata dalle controverse modifiche apportate alla legge sulla cittadinanza, tutte di dubbia costituzionalità, che di fatto hanno creato due categorie di cittadini con diversi diritti: quella dei canadesi e quella di chi ha due cittadinanze.

Nell’ottobre del 2015 Alexander venne sbaragliato dal liberale Mark Holland nel distretto di Ajax-Pickering.

(Venerdì 23 settembre 2016)

Scarica “Leadership tory, Alexander ci sta pensando”

 

More in Calcio