CorrCan Media Group

Giovinco nel mirino degli arabi, decisione in tre giorni

Giovinco nel mirino degli arabi, decisione in tre giorni

TORONTO – Tre giorni per decidere.

Giovedì 31 gennaio si chiude la finestra invernale del mercato e Sebastian Giovinco deve decidere se abbandonare la barca che fa acqua del Toronto TF e andare a trascorrere una vecchiaia dorata nella terra degli sceicchi.

La celebrata Formica Atomica, classe 1987, ha il contratto in scandenza con il Toronto, dove vorrebbe restare, anche per ragioni familiari (i genitori italocanadesi della moglie vivono in città e sarebbero imparentati con il cuoco David Rocco), ma il club a tutto pensa fuorchè ad intavolare la trattativa per il rinnovo.

Mentre i vertici del club sono in tutt’altre faccende affacendate – il difensore Gregory van der Wiel è stato cacciato dopo essere venuto quasi alla mani con il tecnico Vanney – i rappresentanti della squadra Al-Hilan del Qatar stanno silenziosamente portando avanti la trattativa: incontri a Milano, l’ultimo la scorsa settimana, poi proprio in questi giorni direttamente in Arabia Saudita.

La società della capitale, club più prestigioso della nazione, ha mancato l’assalto a Alejandro Gomez.

L’Al-Hilal si era spinto fino a 12 milioni di euro per arrivare all’argentino ma l’Atalanta ha deciso di blindarlo.

Adesso la società araba punta forte sulla Formica Atomica di Toronto: il giocatore potrebbe lasciare la MLS a fronte di una maxi o.erta da 10 milioni a stagione per tre anni.

Giovinco è adesso in California, dove si sta allenando con la squadra. Dal Canada, intanto, il club spiega di non aver ricevuto offerte ufficiali dall’Al-Hilal.

A questo proposito va ricordato che poche ora prima dell’annuncio di Giovinco a Toronto, il suo manager D’Amico aveva decisamente bocciato la voce come falsa. In ogni caso, come sempre, è questione di soldi. Il Toronto Fc dopo il fallimento della passata stagione è entrato in una fase di austerity, stringendo la cinghia, rivoluzionando il parco giocatori, disfacendosi di elementi importanti anche sotto il profilo salariale.

Victor Vazquez, classe 1987, è stato ceduto per una cifra imprecisata ad un club del Qatar, Al’Arabi, dove ha firmato un contratto biennale per una cifre nettamente superiore a quella che percepiva a Toronto, appena sopra il milione. Un altro “a.are” concluso dal neo manager Ali Curtis ha visto il difensore Nick Haglund passare al Cincinnati, operazione che ha portato nella casse del club 300.000 dollari.

Altri 830.000 i Reds li risparmieranno perchè il laterale Gregory van der Wiel ha lasciato la squadra dopo divergenza di vedute con il tecnico Greg Vanney.

Lo stesso olandese ha confermato su Istagram che lascia Toronto per contrasti con il tecnico. Mentre la tifoseria di Toronto si chiede se Giovinco resta e che squadra alla fine riusciranno a mettere assieme, la stagione 2019 bussa alle porte. Il Toronto Fc inizia il 19 febbraio, contro Club Atletico di Panama, gara di andata della prima fase della Champions Concacaf. L’esordio in campionato, il due marzo a Philadelphia.

More in Calcio