CorrCan Media Group

Trudeau a Bruxelles firma l’accordo Ceta

Trudeau a Bruxelles firma l’accordo Ceta

Trudeau a Bruxelles firma l’accordo Ceta

di Francesco Veronesi

TORONTO – Dopo sette lunghi anni di negoziati, il Canada e l’Unione europea hanno firmato il Ceta. Il via libera è arrivato ieri a Bruxelles, con il primo ministro Justin Trudeau presente alla cerimonia imbastita con il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk e il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker.

La firma dell’accordo di libero scambio tra il Canada e il Vecchio Continente non porterà ad una implementazione immediata dell’accordo. Al contrario, la strada che porta all’entrata in vigore di tutte le previsioni contenute nel Ceta è ancora molto lunga e irta di ostacoli. Il documento, approvato dal Canada e dall’Ue dovrà essere votato dalle rispettive assemblee legislative. In Canada dovrà avere luce verde dalla House of Commons e dalle singole legislature provinciali.

 

Più complicato, invece, il percorso che il Ceta dovrà avere sull’altra sponda dell’oceano. Il testo sul quale è stato trovato l’accordo – dopo mille ripensamenti, lunghe fasi di stallo, trattative sottobanco e modifiche – dovrà essere votato dal Parlamento europeo: il documento quindi verrà inviato ai singoli parlamenti nazionali dei 28 Paesi Ue, che dovranno ratificarlo. Insomma, si potrebbero replicare incidenti di percorso simili a quelli della Vallonia, la piccola regione del Belgio che ha quasi fatto deragliare il negoziato per il suo no all’accordo.

Dopo un contrattempo avuto sabato, quando il suo aereo è dovuto tornare allo scalo dopo mezzora di volo per un problema tecnico, Trudeau è arrivato a Bruxelles, accompagnato dalla delegazione canadese che comprendeva anche il ministro per il Commercio Estero Chrystia Freeland e il responsabile al commercio presso l’Ue, l’ex ministro Pierre Pettigrew.

«La firma del Ceta ha una portata storica – ha dichiarato il primo ministro canadese a margine della cerimonia di ieri – Questo accordo moderno e progressivo rafforzerà i forti legami tra Canada e Ue e creerà grandi nuove opportunità per i canadesi e per gli europei, aprendo nuovi mercati per i nostri esportatori e offrendo più scelta per prezzi migliori per i consumatori, e forgiando un legame più stretto tra le nostre economie».

«La partnership tra Canada e Unione europea – ha continuato Trudeau – si basa su valori comuni, una lunghissima storia di stretta cooperazione e forti legami tra le popolazioni. La firma del Ceta prepara la strada per relazioni ancora più profonde in futuro che porteranno al rafforzamento della classe media su entrambe le sponde dell’Atlantico».

«Il Ceta – ha concluso il primo ministro – offrirà benefici significativi alla maggior parte dei settori dell’economia canadese, da quello della pesca del Newfoundland e Labrador a quello aerospaziale del Quebec, dall’assemblaggio auto dell’Ontario a quello del legname in British Columbia, fino a quello minerario dei Territori del Nordovest».

(Lunedì 31 ottobre 2016)

Scarica “Trudeau a Bruxelles firma l’accordo Ceta”

More in Breaking News