CorrCan Media Group

Oltre 22mila morti in Italia, 525 solo nelle ultime 24 ore

Oltre 22mila morti in Italia, 525 solo nelle ultime 24 ore

Oltre 22mila morti in Italia, 525 solo nelle ultime 24 ore

ROMA – È purtroppo salito a 22.170 il numero complessivo delle vittime del Covid-19, in Italia, con un aumento di 525 decessi rispetto a mercoledì.

Erano ieri complessivamente 106.607 i malati di coronavirus, nel Bel Paese, con un incremento di 1.189 rispetto a mercoledì, quando l’aumento era stato di 1.127.

Calano ancora – dato dunque parzialmente positivo – i ricoveri ospedalieri nei reparti di terapia intensiva. Per la prima volta dal 20 marzo, infatti, i pazienti nei reparti sono scesi sotto tremila: a ieri erano infatti 2.936, 143 in meno rispetto a mercoledì. Di questi, 1.032 sono in Lombardia.

Dei 106.607 malati complessivi, 26.893 sono ricoverati con sintomi, 750 in meno rispetto alle 24 ore precedenti, e 76.778 sono quelli in isolamento domiciliare.

E’ invece record di tamponi eff­ettuati in un solo giorno: nelle ultime 24 ore ne sono stati fatti 60.999. Complessivamente sono 1.178.403 i tamponi eff­ettuati dall’inizio dell’emergenza, circa 570mila dei quali in Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto.

Il numero dei contagiati totali dal coronavirus in Italia – compresi morti e guariti – è di 168.941, con un incremento rispetto a mercoledì di 3.786. Questa la lunga lista di dati resi noti nel corso della conferenza stampa della Protezione Civile, a Roma.

“Siamo in un trend discendente, con le curve dei contagiati, dei ricoverati e dei deceduti che hanno uno sfalsamento temporale e che trovano evidenza anche nei dati giornalieri” ha detto il presidente dell’Istituto superiore della sanità, Silvio Brusaferro.

“Al momento – ha proseguito – c’è uno studio di sieroprevalenza per indagare quante persone siano venute a contatto col virus e capire quale sia la sua circolazione. Ci sono stime variabili da regione a regione, ma in generale il 90% delle persone in Italia non è venuto a contatto col virus. Questo vuol dire che una larghissima parte della popolazione è ancora suscettibile di contagio” ha precisato Brusaferro.

Nella regione italiana maggiormente colpita dalla pandemia di Covid-19, la Lombardia, erano ieri 63.094 i casi di positività accertata, con un aumento di 941 nuovi casi, mentre mercoledì l’incremento era stato di 827.

Sempre ieri, i tamponi eff­ettuati in Lombardia sono stati 10.706, oltre tremila in più rispetto alla giornata di mercoledì. I decessi in Lombardia sono stati sino ad ora complessivamente 11.608, pari al 52% del totale nazionale, con un aumento di 231 vittime rispetto a mercoledì.

Nelle regioni del nord Italia, si sono registrate sino a ieri ben 19.240 vittime del Covid-19, pari all’87% del computo complessivo di tutto il territorio nazionale.