CorrCan Media Group

La local 27 dagli mpp, il LiUNA manifesta: scontro nel sindacato

La local 27 dagli mpp, il LiUNA manifesta: scontro nel sindacato

TORONTO – Si spacca il fronte sindacale, con il rischio che le parti sociali vadano al voto in ordine sparso. Dopo il nulla di fatto del vertice di giovedì scorso tra la premier dell’Ontario Kathleen Wynne e Joe Mancinelli – International Vice President and Regional Manager of Central and Eastern Canada del LiUna – si apre una nuova settimana all’insegna delle divisioni nel mondo del lavoro e delle inevitabili ripercussioni a livello politico di una frattura che per certi versi appare insanabile. 
Questa mattina alle 9 Mike Yorke, presidente del sindacato dei carpentieri Local 27, ha organizzato una colazione-incontro con i deputati provinciali a Queen’s Park per sostenere i cambiamenti introdotti dal governo nell’ultimo budget presentato dal ministro delle Finanze Charles Sousa, in particolare sul fronte  dei salari minimi nel contesto delle attribuzioni delle gare di appalto promosse dal governo in Ontario. 
Queste modifiche – che in sostanza hanno provocato la spaccatura a livello sindacale – devono ancora essere approvate dall’assemblea legislativa prima di andare alle urne il prossimo 7 giugno.
Ma sempre oggi, alle 11 di mattina, a Queen’s Park è in programma un appuntamento di ben altro tenore. Il sindacato LiUNA, infatti, per quell’ora ha organizzato una manifestazione davanti al parlamento provinciale contro le modifiche apportate dalla legge di bilancio. 
Un “no” senza se e senza ma, un messaggio chiaro alla leader liberale che per il momento non sembra disposta a modificare la propria posizione su un tema estremamente delicato che nelle ultime settimane ha provocato una profonda lacerazione nelle parti sociali della provincia.  
La divisione nel mondo del lavoro potrebbe portare a drammatiche conseguenze tra meno di 50 giorni, quando gli elettori dell’Ontario saranno chiamati alle urne per decidere se affidare ancora una volta il governo alla premier uscente o per decretare la svolta dopo quindici anni di dominio liberale a Queen’s Park.
Da questo punto di vista, l’incontro di giovedì scorso non ha decretato la rottura definitiva tra Kathleen Wynne  Joe Mancinelli. Da parte del governo, dal quale non sono giunti commenti ufficiali al Corriere, è stato fatto capire che la premier ha ascoltato con grande attenzione le richieste del LiUNA e che il dialogo è destinato a continuare anche nelle prossime settimane. 
Un ottimismo, quello della leader liberale, che invece non è stato condiviso dal leader sindacale: da fonti vicine al sindacato è stata lasciata trapelare l’insoddisfazione per la posizione del governo sulle novità introdotte nel budget, un’intransigenza che potrebbe ripercuotersi sul voto di giugno.
More in Breaking News