CorrCan Media Group

Kotlarchuck si chiede da quale parte stare

Kotlarchuck si chiede da quale parte stare

“Questa sera la mia domanda per voi del direttivo e del personale del provveditorato è questa:
Da quale lato della storia dobbiamo stare? Questa è mia figlia Betty, frequenta la scuola St. Charles ed è al sesto livello. 
Credo sia l’ultima bambina rimasta qui, ’stasera, tra l’altro è già passato da un po’ l’orario per andare a letto, posso immaginare insieme a voi come sarà la giornata di domani.
Da professore quale sono, credo sia importante inculcare in mia figlia e nei membri della mia comunità il senso del dovere civico; detto in altre parole combattere per cosa crediamo sia giusto. 
Grazie al dipartimento di Italiano per le fotografie incluse.
Mia figlia è letteralmente cresciuta al Columbus Centre, e certamente non è la sola. 
Nel corso degli anni, centinaia, se non migliaia di bambini hanno trascorso i loro anni di formazione nel Centro e attorno ad esso, dalla scuola di danza alle altre attività, incluso l’asilo nido.
Ma non dimentichiamoci i motivi molto importanti per il quale il Columbus Centre è stato costruito. 
Non è solo la fantastica struttura che è, ma anche un’area verde che rappresenta parte integrante della comunità. 
Le mie foto testimoniano l’importanza della zona verde, con i suoi alberi secolari, le storiche fontane, le statue, i giochi per i bambini, i tavoli da picnic e le panchine.
La comunità si è formata intorno e all’interno di questa magnifica area, un posto unico, come nessun altro. 
È realmente un’oasi nel mezzo di una zona trafficata, rumorosa e congestionata. E se avete guidato da quelle parti recentemente, sapete di cosa sto parlando. 
Occorrono dieci minuti per andare da un isolato all’altro in qualsiasi direzione da Lawrence and Dufferin, dopo le tre del pomeriggio.
Ora, io sono un professore di storia alle superiori, e tra i miei compiti c’è quello di guidare gli studenti in ciò che chiamiamo “processo di indagine storica”. 
Studiamo gli eventi passati, ne applichiamo i principi nel contesto attuale, e impariamo che gli eventi storici, positivi e negativi, sono frutto della volontà di un popolo. 
E sottolineo questa mia ultima affermazione: la volontà di un popolo.
In altre parole, lasciamo che le cose succedano, buone o cattive che esse siano, anche terribili, che riflettendoci sapevano non sarebbero dovute accadere. 
Concludo dicendo: da quale lato della storia dobbiamo stare? 
Dalla parte di chi ha votato per la demolizione di ciò che ha rappresentato un santuario insostituibile, in trentasette anni,  per quarantamila membri del Columbus Centre? 
O dalla parte di chi vuole forse costruire la Dante Alighieri sui sedici acri di terreno sui quali è già collocata (la scuola esistente, ndr)? Grazie mille”.
 
Kerry Kotlarchuck
 
More in Breaking News