In piazza contro i tagli alla sanità

di corriere canadese del November 11, 2019

TORONTO - I rappresentanti di oltre 50 organizzazioni si sono riuniti sabato scorso, a Nathan Phillips Square, per protestare contro i tagli provinciali ai servizi della sanità pubblica e per la fusione delle unità sanitarie locali in Ontario.

I gruppi hanno dichiarato di protestare contro i tagli ai finanziamenti degli ospedali pubblici e contro il piano del governo Ford di eliminare le unità sanitarie locali e ridurre i servizi di ambulanza.

Un esponente della National Pensioners Federation ha detto “gli anziani sono la nostra preoccupazione numero uno e rimangono ricoverati nei nostri ospedali in attesa di cure adeguate, di assistenza diretta e di assistenza a lungo termine. Non vogliamo che la gente muoia in attesa”.

Secondo il consigliere comunale di Toronto, Kristin Wong-Tam - presente alla manifestazione - "i tagli alla salute pubblica, da parte dell’amministrazione Ford, avranno un impatto reale sulla sicurezza delle persone."

Il direttore esecutivo dell’Ontario Health Coalition, Natalie Mehra, ha definito "scioccanti" i tagli del premier all’assistenza sanitaria.

"Siamo davvero preoccupati perché il governo Ford ha intenzione di tagliare i finanziamenti per le strutture di sanità pubblica nella provincia - ha sottolineato - mentre in Ontario abbiamo bisogno di più assistenza sanitaria e non di meno”.

La scorsa settimana, Peter Weltman - responsabile per l’affidabilità finanziaria dell’Ontario - aveva avvertito il governo provinciale che l’assistenza sanitaria nelle corsie degli ospedali "peggiorerà nei prossimi due anni".

Secondo il rapporto, tra il 2011 ed il 2018, il numero di posti letto per le cure a lungo termine sono aumentati di appena lo 0,8 per cento, mentre il numero di pazienti anziani che vivono in Ontario è aumentato di circa il 20 per cento.

Giorgio Mitolo

Potrebbero interessarti...

Il Canada riconosca il contributo degli italiani
di Odoardo DiSanto il November 23, 2017
TORONTO - Quest’anno ricorre il 150º anniversario del Canada, celebrato, a dir la verità, in tono minore in contrasto con il Centenario di cui Expo 67 di Montreal rispecchiò l’ottimismo e lo slancio di un popolo giovane che attrasse l’attenzione del mondo .
Per 2017 invece poca cosa: il governo ha emesso un francobollo commemorativo, una banconota di dieci dollari, ha scelto il tulipano Maple Leaf come fiore ufficiale dell’anniversario. Ha commissionato 150 murali. 
Ha concesso entrata libera ai parchi nazionali. Il Film Board ha ordinato qualche documentario. La città di Windsor ha eretto un palo di 150 pedi per sorreggere una gigantesca bandiera.
Bob Hepburn sullo Star ha posto la ricorrente ed adusa domanda che cade ormai nell’indifferenza generale e cioè: “Sarà il 150° anniversario la volta buona per liberarci della Monarchia inglese?”.
Gli aborigeni hanno lamentato lo scarso rilievo dato alla loro storia.
Il Canada è un paese giovane che si sta realizzando con successo. Pilastro della sua storia è il contributo di milioni di immigrati tra cui gli italiani che hanno costruito il Paese letteralmente pezzo per pezzo.
Fino al secondo dopoguerra Toronto era una sonnacchiosa e noiosa città provinciale dove imperava la morale vittoriana, con una classe dirigente per lo più a conduzione massone che gestiva, gratia dei, il potere cittadino, legata ai riti orange, celebrati nelle annuali parate.
Il duro lavoro e la creatività degli immigrati principalmente italiani ne hanno fatto una metropoli costantemente ai primi posti nelle classifiche mondiali per qualità di vita e per vitalità economica e culturale.
«Villa Charities e il board sprecano il denaro»
di Mariella Policheni il November 21, 2017
TORONTO - La prima delle due consultazioni organizzate per tastare il polso alla comunità riguardo il progetto “Columbus Centre/Villa Charities/Dante Alighieri Academy Intergenerational Community Hub” ha infiammato ancor di più gli animi.
Mentre da un lato VCI e il TCDSB ritengono l’incontro positivo, i membri della comunità presenti mettono in discussione il modo con cui è stata condotta la consultazione. E non solo. Quel che ha provocato grande rabbia per tantissime persone è stato venire a sapere, il giorno dopo, la cifra che è stata spesa per il processo di consulenza che si aggira dai 50mila ai 75mila dollari. Denaro che va a Maximun City e Dillon Consulting, ai quali è stato commissionato il lavoro. 
«Il giorno seguente Villa Charities ha avuto il fegato di proclamare l’incontro un successo... - dice l’avvocato Joseph Baglieri - Noi non abbiamo speso dai 50 ai 75mila dollari come loro proclamano con orgoglio di aver fatto nella loro newsletter. Devo confessare però di aver acquistato per $9.89 due trombette a Dollarama». 
“Maximum City e Dillon Consulting sono state selezionate attraverso un processo di appalto pubblico che ha coinvolto circa 50 imprese - si legge nella newsletter di Villa Charities - VCI e TCDSB sono impegnati in questo processo trasparente e confidano che lavorando insieme e condividendo i costi preventivati per questo processo (da 50mila a 75mila dollari), l’investimento per avere il feedback della comunità sia denaro ben speso”.
I membri del Columbus Centre, che hanno notato come anche piccole riparazioni  da tempo non vengano eseguite nelle strutture sportive, sono incolleriti nell’apprendere come viene impiegato il denaro. 
Il quotidiano italiano in Canada
© Copyright M.T.E.C. Consultants LTD.
3800 Steels Ave. W., Suite 300, Vaughan ON, Canada
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.