CorrCan Media Group

In Italia più di 165mila contagi e 21.645 le persone decedute

In Italia più di 165mila contagi e 21.645 le persone decedute

In Italia più di 165mila contagi e 21.645 le persone decedute

ROMA – Dall’inizio della pandemia di Covid-19, in Italia, il numero complessivo dei contagiati è salito a 165.155, mentre le vittime accertate sono 21.645.

A ieri erano 105.418 le persone ancora positive, con un aumento di 1.127 unità rispetto a martedì.

Il rapporto tra tamponi fatti e casi individuati è di un malato ogni 16,4 tamponi fatti, o appunto il 6,1%, il valore più basso dall’inizio dell’epidemia.

Confermato intanto il calo del numero dei pazienti ricoverati in terapia intensiva, che ieri erano 3.079, con un calo di 107 rispetto a martedì.

Diminuito anche il dato sui ricoverati con sintomi che hanno raggiunto quota 27.643 persone, 368 in meno.

Frena, purtroppo, anche il numero dei nuovi guariti che ieri sono stati 962 – facendo salire il totale a 38.092 – mentre martedì erano stati 1.695.

Per quanto riguarda le vittime invece nelle ultime 24 ore sono morte 578 persone, che portano il totale a 21.645, mentre la giornata precedente erano state 602.

Ancora in calo, intanto, i nuovi ricoveri in Lombardia. In terapia intensiva si sono liberati 48 posti letto da martedì, per un totale di 1.074 occupati. Anche i ricoveri meno gravi in ospedale di pazienti Covid-19 sono ieri scesi di 34 unità. Sempre alto il numero dei morti, considerato che – nelle trascorse 24 ore – sono state 235 le persone decedute a causa del coronavirus, che portano il totale a 11.377 morti solo in Lombardia, la regione più colpita, con 62.153 casi accertati di contagio.

Nella capitale, Roma, “solo 24 nuovi casi di positività al Covid-19, trend più basso da inizio epidemia al 2,3%, con un record dei guariti, ossia 85 nelle ultime 24 ore”. Lo ha confermato l’assessore alla Sanità ed all’integrazione sociosanitaria della regione Lazio, Alessio D’Amato, il quale ha precisato che sono invece “121 i casi di positività, di cui 52 riferibili al cluster di Rocca di Papa, già sotto cordone sanitario e anche in questo caso un trend al 2,3% il più basso da inizio epidemia” ha concluso.