CorrCan Media Group

L’anno dei record di Tfc, sognare non è peccato

L’anno dei record di Tfc, sognare non è peccato

12tfcsognorecordL’anno dei record di Tfc, sognare non è peccato

di Leonardo N. Molinelli

TORONTO – Una stagione da record che resterà comunque nella storia di questa città. Toronto Fc sta regalando qualcosa di mai visto nella sua breve vita sportiva: una stagione da leader. Dopo il successo di sabato sera a Chicago infatti i Reds hanno riconquistato la prima posizione in classifica, dissipando i dubbi e i timori venuti a galla dopo la sconfitta interna di fine agosto contro Montréal.

Neanche l’infortunio di Giovinco, per il quale non ci sono ancora certezze sui tempi di recupero, ha fermato Tfc dalla sua rincorsa alla testa della Eastern Conference. Anzi, pur senza il suo giocatore simbolo, i ragazzi di Greg Vanney hanno battuto Chicago guidati da un Jozy Altidore sempre più decisivo. Il centravanti americano, criticatissimo dopo un inizio di stagione più che deludente, dopo il lungo infortunio ha segnato ben sei gol in nove partite diventando il punto di riferimento della squadra.

Solida anche la difesa, che con 29 gol subiti è nettamente la migliore dell’Est ed è seconda solo a quella di Colorado (24 gol). Un aspetto che conferma la regola base del calcio a qualunque latitudine: una squadra vincente si costruisce dalla difesa.

Adesso i Reds sono primi in classifica nella Eastern Conference con 46 punti in 28 partite. Hanno due punti di vantaggio e una partita in meno dei New York City di Andrea Pirlo e Frank Lampard con un vantaggio di 13 punti sulla settima in classifica e nelle prossime sei partite si giocheranno la possibilità di vincere la propria Conference e qualificarsi direttamente ai playoff saltando lo spareggio (che lo scorso anno si rivelò fatale in quel di Montréal).

Con sei partite da giocare inoltre, ai Reds bastano tre punti per eguagliare il record assoluto di punti in una stagione (49) che avevano stabilito lo scorso anno. Ma i record non finiscono qui.

Le sei vittorie ottenute in trasferta in questa stagione sono un altro record assoluto per la squadra torontina e resta ancora da giocare la trasferta di Montréal del prossimo 16 ottobre. I Reds hanno ottenuto 22 dei 46 punti conquistati finora in trasferta, abbattendo il record di 17 ottenuto nel 2014. Anche la media punti tenuta finora (1.64 a partita) è la più alta mai avuta dalla squadra, il cui record era l’1.44 ottenuto lo scorso anno. In casa Giovinco e compagni viaggiano a una media di punti a partita (eguagliato il record dl 2015) mentre in trasferta si cala a 1.38 (altro record).

Più di tutti questi dati però, a colpire è la solidità e la sicurezza trasmesse dalla squadra. Una sensazione mai avvertita neanche lo scorso anno, quando fu soprattutto Giovinco a tirare la carretta. Adesso invece la squadra è più omogenea e compatta. Irwin, Moor, Will Johnson hanno portato esperienza e affidabilità. Non era difficile fare meglio dei nove tragici anni precedenti, questo è vero. Ma stavolta stiamo assistendo a qualcosa di unico. Una squadra di Toronto che potrebbe davvero competere per un titolo.

(Mercoledì 14 settembre 2016)

Scarica “L’anno dei record di Tfc, sognare non è peccato”

Comments are closed.